Bologna
9:22 pm, 9 Febbraio 22 calendario
1 minuto di lettura lettura

Task force contro mala movida e criminalità giovanile

Di: Redazione Metronews
Criminalità giovanile
condividi

Una vera e propria task force per combattere gli episodi di mala movida e micro criminalità giovanile. Le forze dell’ordine e la Polizia locale agiranno assieme per rispondere in tempi celeri alle segnalazioni fornite dai cittadini. Questo è quanto emerso dal vertice che si è tenuto tra Comune, Questura, Prefettura e rappresentanti di Carabinieri e Guardia di Finanza.

Task force contro mala movida e criminalità giovanile

Intanto nella mattina di oggi la Squadra Mobile ha eseguito le ordinanze di custodia cautelare emesse dal Tribunale dei minori a carico di due ragazzini accusati di lesioni gravi e di un giovane che deve rispondere del reato di rapina. I tre minori sono stati collocati in comunità.

I primi due sono stati individuati dopo il pestaggio di gruppo, avvenuto il 3 febbraio in via Montegrappa, ai danni di alcuni giovani che sono stati feriti anche con armi da taglio.

L’altro provvedimento è stato emesso nei confronti di un minore che si era reso responsabile, assieme ad altri 3 ragazzini subito indentificati e arrestati, di una rapina ai danni di una giovane coppia. Durante il raid, avvenuto in via Riva Reno, mentre il fidanzato veniva picchiato la ragazza subiva molestie da parte del branco.

Intanto la Questura di Bologna ha chiuso per 30 giorni il negozio di piazza VIII Agosto per aver venduto, nella notte tra il 5 e 6 febbraio, bottiglie di superalcolici ad un ragazzino di 16 anni. Il minore è stato ricoverato d’urgenza al Sant’Orsola in coma etilico.

Il sindaco Lepore: «Dare una speranza a questi ragazzi»

«La nostra sfida è dare speranza a questi ragazzi. Reagire alla violenza con immediatezza e presenza è esso stesso un modo per non abbandonare i ragazzi che sbagliano. Vanno aiutati a imboccare un strada nuova, fatta di valori e modelli positivi»: così il sindaco di Bologna Matteo Lepore commentando l’intervento della polizia che ha portato all’identificazione dei due minorenni responsabili del pestaggio di via Montegrappa, e del minore ritenuto membro di una banda con all’attivo diverse rapine.

Intanto la Questura di Bologna ha chiuso per 30 giorni il negozio di piazza VIII Agosto per aver venduto, nella notte tra il 5 e 6 febbraio, bottiglie di superalcolici ad un ragazzino di 16 anni. Il minore è stato ricoverato d’urgenza al Sant’Orsola in coma etilico.

9 Febbraio 2022
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Il giornale
Più letto del mondo