No vax
12:59 pm, 8 Febbraio 22 calendario
4 minuti di lettura lettura

Il giudice contro i genitori No Vax: il bimbo va operato

Di: Redazione Metronews
Ospedale Sant'Orsola
condividi

Il giudice tutelare di Modena ha accolto il ricorso dell’ospedale Sant’Orsola di Bologna sul caso del bimbo di 2 anni con  una cardiopatia, i cui genitori  sono No Vax e si sono opposti alle trasfusioni di sangue da donatori vaccinati contro il Covid-19, per un intervento chirurgico a cui il piccolo deve essere sottoposto. A confermarlo è stato l’avvocato Ugo Bertaglia, difensore dei genitori.

Il giudice avrebbe quindi ritenuto che ci sono le garanzie di assoluta sicurezza nel sangue fornito dall’ospedale, qualsiasi sia la sua provenienza, rendendo così superabile l’obiezione dei genitori che per motivi religiosi vogliono che il sangue provenga da No Vax.

Le motivazioni  religiose dei genitori No Vax

La preoccupazione dei genitori è legata al fatto che il sangue dei vaccinati contro il Covid possa nuocere al figlio, a causa della  proteina Spike, dato che non si conoscono gli effetti a lungo termine della profilassi. Motivazione  che non ha alcuna valenza dal punto di vista scientifico. Eppure la coppia sostiene, tramite i propri legali, di aver coinvolto degli specialisti, un ematologo e un medico legale, secondo i quali non è escluso che la trasfusione con sangue di vaccinati possa rappresentare un rischio.

I genitori hanno anche convinzioni religiose: non accettano che al piccolo venga dato sangue di persone vaccinate con sieri che utilizzerebbero in fase sperimentale  cellule umane ricavate da feti abortiti volontariamente. Anche questa è una credenza basata sulla disinformazione.

8 Febbraio 2022
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Il giornale
Più letto del mondo