Rugby Sei Nazioni
9:39 pm, 27 Gennaio 22 calendario
2 minuti di lettura lettura

Sei Nazioni, la giovane Italia ha un ct blindato

Di: Redazione Metronews
condividi

RUGBY – Una nazionale italiana del rugby giovane, guidata dal ct Crowley blindato dalla Fir, si presenta al Sei Nazioni.

Quasi perfettamente sovrapposto alle Olimpiadi invernali di Pechino (4-20 febbraio) si terrà un altro evento sportivo di primissima grandezza: nientemeno che il torneo Guinness Sei Nazioni di rugby, dal 5 febbraio al 19 marzo. Al torneo, il top indiscusso della palla ovale, si presenterà un’Italia giovane, attesa a un debutto da far tremare le vene ai polsi: a Parigi, allo Stade de France, contro la Francia, domenica 6 febbraio alle 16.

Italia al Sei Nazioni: la copertura tv

La copertura televisiva sarà determinante. L’intero evento sarà in diretta su Sky e in streaming su Now. E i riflettori saranno puntati in particolare sugli azzurri, dal momento che l’Italia andrà in onda live anche in chiaro su Tv8, con studi pre e post partita dedicati. Dopo Parigi, l’Italia affronterà l’Inghilterra il 13 febbraio, l’Irlanda il 27 febbraio, la Scozia il 12 marzo e il Galles il 19 marzo. Le partite in casa degli Azzurri (con inglesi e scozzesi) saranno a Roma, all’Olimpico.

Fiducia nel ct Crowley

Il ct, Kieran Crowley (foto Lapresse), ha fiducia nei ragazzi: «Abbiamo fiducia in loro. C’è energia e tanta voglia di riscatto. Proseguiremo nella crescita». E capitan Michele Lamaro gli fa eco: «Come squadra ci siamo trovati, abbiamo iniziato a creare qualcosa e il legame tra di noi verrà messo in campo come con gli All Balcks». Marzio Innocenti, presidente della Fir, garantisce: «Crowley non è sotto esame, ha la fiducia della Federazione fino al Mondiale 2023. I ragazzi non verranno bocciati se non andrà bene. La missione ben precisa è riportare il rugby italiano in alto e loro lo stanno facendo lavorando al massimo».

27 Gennaio 2022
© RIPRODUZIONE RISERVATA