ucraina
6:20 pm, 26 Gennaio 22 calendario

L’ambasciata Usa: “Americani, lasciate l’Ucraina”

Di: Redazione Metronews
Sollecito ai cittadini americani
condividi

Sollecito ai cittadini americani per lasciare l’Ucraina. L’ambasciata Usa a Kiev ha invitato i connazionali che si trovano in Ucraina a lasciare il Paese senza tardare a causa di un’accresciuta minaccia di invasione russa. «L’ambasciata degli Stati Uniti esorta i cittadini americani a cercare di partire subito», si legge sul sito della rappresentanza diplomatica. «La situazione della sicurezza in Ucraina continua ad essere imprevedibile a causa dell’accresciuta minaccia di una azione militare russa e si può deteriorare senza preavviso». Già domenica, Washington aveva annunciato di aver richiamato una parte dei diplomatici e delle loro famiglie, una decisione considerata prematura ed eccessiva dalle autorità ucraine. Intanto l’ambasciatore degli Usa a Mosca, John Sullivan, ha consegnato al ministero degli Esteri russo due documenti che contengono le risposte scritte degli Stati Uniti e della Nato alle garanzie di sicurezza proposte dalla Russia per allentare le tensioni sull’Ucraina.

Sollecito agli americani

Anche se non c’è ancora certezza sulle decisioni che saranno prese dalla Russia sull’Ucraina, gli Stati Uniti temono che un attacco possa avvenire entro metà febbraio. Lo ha detto la sottosegretaria di Stato Usa, Wendy Sherman. «Non so se Putin abbia preso la decisione finale, ma certamente vediamo tutte le indicazioni che la forza militare potrebbe essere usata da adesso alla metà di febbraio. Non so cosa ci sia nella mente del presidente Putin. C’è solo una persona che lo sa ed è il presidente Putin. Ho il sospetto che nemmeno le persone intorno a lui sappiano cosa farà alla fine. Penso che conoscano i piani militari ma sospetto che il presidente abbia anche altri piani in mente», ha detto Sherman. «Una minaccia contro l’Ucraina è una minaccia contro l’Europa. Per questo siamo attivi con i tutti i canali diplomatici per evitare un’escalation». Lo ha dichiarato il presidente del Consiglio europeo, Charles Michel, ribadendo che «in caso di aggressione all’Ucraina ci saranno pesanti misure restrittive da parte dell’Unione in risposta».

«Frenesia militare»

Le minacce di sanzioni contro la Russia indicano che l’Occidente è in una «frenesia militare», Mosca è pronta per qualsiasi sviluppo di eventi e garantirà la propria sicurezza nel modo più affidabile. Lo ha affermato il ministro degli Esteri russo, Serghei Lavrov. «Vediamo che i nostri colleghi occidentali sono, senza esagerare, in una sorta di frenesia militare, parlano solo di questo: vi puniremo, se attaccherete, vi puniremo e salveremo l’Ucraina», ha detto Lavrov ai giornalisti alla Duma di Stato. «Siamo pronti per qualsiasi sviluppo degli eventi», ha aggiunto il capo della diplomazia russa, «non abbiamo attaccato nessuno, ci hanno sempre attaccato e quelli che lo hanno fatto hanno sempre ricevuto quello che meritavano». Sulla possibile risposta di Mosca a eventuali nuove sanzioni occidentali, Lavrov si è limitato ad assicurare che la Russia «è pronta a proteggere gli interessi del Paese, la sua sicurezza e la sicurezza dei suoi cittadini nei modi più affidabili».

26 Gennaio 2022 ( modificato il 27 Gennaio 2022 | 23:18 )
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Il giornale
Più letto del mondo