climate change
3:18 pm, 20 Gennaio 22 calendario

L’iceberg A-68A ha rilasciato 152 miliardi di tonnellate acqua dolce

Di: Redazione Metronews
condividi

L’iceberg A-68A ha rilasciato 152 miliardi di tonnellate acqua dolce. L’iceberg si era staccato a luglio del 2017 dalla piattaforma di ghiaccio Larsen-C dell’Antartide. A riferirlo è l’Agenzia Spaziale Europea. Grazie a cinque diverse missioni satellitari di cui molte dell’Esa, un team di scienziati – del Center for Polar Observation and Modeling nel Regno Unito e del British Antarctic Survey – hanno infatti potuto monitorare il cammino dell’iceberg – uno dei più grandi mai prodottosi in Antartide – e seguire il suo cammino spinto dai venti e dalle correnti oceaniche.

Lo faremo perché è difficile
L’editoriale di Stefano Pacifici

I ricercatori hanno potuto così seguire l’evoluzione del gigante di ghiaccio che si è via via suddiviso in diversi berg più  piccoli. Seguendolo con l’occhio dei satelliti, gli scienziati hanno potuto rilevare la gigantesca quantità di acqua dolce rilasciata durante il viaggio che ha portato l’iceberg davanti alla costa dell’isoletta Georgia del Sud. Una volta scongiurato che l’iceberg si arenasse davanti alla Georgia del Sud, adesso l’allarme degli studiosi è che comunque la immensa quantità di acqua di dolce rilasciata possa aver interferito con l’ecosistema marino locale.

L’iceberg A-68A ha rilasciato 152 miliardi di tonnellate acqua dolce

I satelliti hanno seguito il lungo  viaggiò dell’iceberg nell’Oceano Antartico e, tre anni e mezzo dopo, hanno visto staccarsi da A-68 la parte principale del gigante di ghiaccio – ribattezzata A-68A – e andare alla deriva in modo preoccupante vicino a Georgia del Sud. Inizialmente a preoccupare gli scienziati è stato il rischio che il berg si sarebbe arenato nelle acque poco profonde al largo, cosa che «non solo avrebbe danneggiato l’ecosistema del fondale marino, ma avrebbe reso anche difficile per la fauna selvatica dell’isola, come i pinguini, raggiungere il mare per nutrirsi». Utilizzando le misurazioni dei satelliti, gli scienziati hanno tracciato il modo in cui A-68A si è ridotto di dimensioni verso la fine del suo viaggio, il che, fortunatamente gli ha impedito di rimanere bloccato.

A rischio l’ecosistema marino

Tuttavia, “lo svantaggio è che il berg ha rilasciato una colossale quantità di acqua dolce pari a 152 miliardi di tonnellate vicino all’isola, potenzialmente con un profondo effetto sulla vita marina dell’isola” avvertono dall’Agenzia Spaziale Europea. Quando è si è staccato, l’iceberg gigante A-68 aveva una superficie di oltre il doppio di quella del Lussemburgo, “uno dei più grandi iceberg mai registrati” osservano dall’Esa. Complessivamente, l’iceberg A-68A (quello che si era staccato dal principale) si è assottigliato di 67 metri dal suo spessore iniziale di 235 metri, con il tasso di scioglimento in forte aumento mentre il berg si è spostato nel Mare di Scozia, intorno a Georgia del Sud.

Cinque missioni satellitari

Un articolo pubblicato su Remote Sensing of Environment ha descritto come i ricercatori del Center for Polar Observation and Modeling nel Regno Unito e del British Antarctic Survey abbiano combinato misurazioni da diversi satelliti per tracciare il modo in cui l’A-68A è cambiato nell’area e nello spessore durante il suo ciclo di vita. Il viaggio di A-68A è stato tracciato utilizzando le osservazioni di cinque diverse missioni satellitari. L’Esa spiega che per tracciare come è cambiata l’area dell’A-68A gli scienziati hanno utilizzato le immagini ottiche della missione Copernicus Sentinel-3 e dello strumento Modis sulla missione Us Terra, insieme ai dati radar della missione Copernicus Sentinel-1.  

Tommaso Parrinello, CryoSat Mission Manager dell’Esa, ha sottolineato: «La nostra capacità di studiare ogni movimento dell’iceberg in modo così dettagliato è grazie ai progressi nelle tecniche satellitari e all’uso di una varietà di misurazioni. I satelliti di imaging registrano la forma dell’iceberg e i dati di missioni di altimetria come CryoSat aggiungono un’altra importante dimensione poiché misurano l’altezza delle superfici, che è essenziale per calcolare le variazioni di volume». Il nuovo studio rivela che l’A-68A si è scontrato solo brevemente con il fondale marino e si è rotto poco dopo, rendendolo meno rischioso. Quando ha raggiunto le acque poco profonde intorno alla Georgia del Sud, la chiglia dell’iceberg si era ridotta a 141 metri sotto la superficie dell’oceano, abbastanza poco profonda da evitare il fondale marino che è profondo circa 150 metri. Se la chiglia di un iceberg è troppo profonda può rimanere bloccata sul fondo del mare e questo può essere dirompente in molti modi: i segni di sfregamento possono distruggere la fauna e il berg stesso può bloccare le correnti oceaniche e le rotte di foraggiamento dei predatori, chiariscono dall’Esa.

Effetti collaterali legati al disgelo

Tuttavia, un effetto collaterale dello scioglimento è stato il rilascio di una colossale quantità – 152 miliardi di tonnellate – di acqua dolce vicino all’isola, una ‘interferenzà che gli studiosi ritengono “potrebbe avere un profondo impatto sull’habitat marino dell’isola”. Quando gli iceberg si staccano dalle piattaforme di ghiaccio, vanno alla deriva con le correnti oceaniche e il vento, rilasciando acqua di disgelo fresca e fredda e sostanze nutritive mentre si sciolgono. Questo processo influenza la circolazione oceanica locale e favorisce la produzione biologica attorno all’iceberg. Anne Braakmann-Folgmann, dottoranda presso il Center for Polar Observation and Modeling e autrice principale dello studio, spiega infine che “questa è un’enorme quantità di acqua di disgelo e la prossima cosa che vogliamo comprendere è se ha avuto un impatto positivo o negativo sull’ecosistema intorno alla Georgia del Sud” e “poiché l’A-68A ha preso una rotta comune attraverso il Passaggio di Drake, speriamo di sì”. 

20 Gennaio 2022
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Il giornale
Più letto del mondo