Milano
12:37 pm, 27 Dicembre 21 calendario
3 minuti di lettura lettura

Caos tamponi, oggi la task force. E Buccinasco chiude

Di: Redazione Metronews
condividi

È in programma per oggi la prima riunione della task force voluta da Regione Lombardia, travolta dal caos tamponi. Dopo una leggerissima pausa dovuta ai due giorni di festeggiamento, le code davanti alle farmacie, alle strutture pubbliche e a quelle private accreditate, sono tornate. Il 26 dicembre nel presidio della piazza del Rondò di Sesto San Giovanni è dovuta anche intervenire la forza pubblica.

Task force tamponi

Per cercare di ovviare al caos, il Pirellone ha avviato un gruppo di lavoro, guidato da Guido Grignaffini, direttore sanitario dell’Asst Brianza. A lui toccherà il compito di gestire le centinaia di migliaia di richieste. Intanto il servizio di tracing delle Ats è andato completamente in tilt: i positivi non vengono contattati né all’inizio della malattia né alla fine. Molti – scontata la quarantena – restano prigionieri in casa per l’impossibilità di fare i tamponi.

A Buccinasco tamponi solo ai residenti

Rino Pruiti, sindaco di Buccinasco, mette un argine al fenomeno della migrazione per il tampone che si sta sviluppando in Lombardia in questi giorni di “corsa” sfrenata al test. «Vista la situazione di disagio degli ultimi giorni – dice – con code e attese lunghissime e sentiti farmacisti, infermieri e volontari, abbiamo deciso di riservare dal primo di gennaio il servizio di tamponi rapidi esclusivamente a chi risiede a Buccinasco. Negli ultimi giorni in tutto il territorio la situazione è diventata insostenibile e crediamo sia giusto anche limitare gli spostamenti tra Comuni migliorando la gestione delle code in farmacia».

«Colpa di Ats, Regione e Stato»

«Ancora una volta – aggiunge Pruiti – dobbiamo sopperire alle mancanze di Ats, Regione Lombardia e Stato, cercando soluzioni per la nostra cittadinanza con le risorse comunali e la collaborazione degli instancabili volontari comunali e della Protezione Civile. Stiamo lavorando per riuscire ad aprire nei prossimi giorni un secondo punto tamponi presso la farmacia comunale 2 di via don Minzoni, compatibilmente con la possibilità di trovare infermieri disponibili, un’impresa davvero non facile in questo momento. Non è più possibile costringere gli utenti a ore di coda, la scelta di limitare il servizio ai soli residenti è praticamente obbligata e di buon senso».

27 Dicembre 2021
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Il giornale
Più letto del mondo