green pass
3:18 pm, 28 Novembre 21 calendario

Green Pass, ok Svizzera. Milano, denunce e multe a No Vax

Di: Redazione Metronews
condividi

Anche la Svizzera si è  schierata in larga maggioranza per il Green Pass: secondo le primi proiezioni, il 63% dei votanti al referendum si è espresso a favore del pass anti-Covid. E’ da settembre che le autorità hanno imposto il documento per poter entrare nei ristoranti e in altre attività al chiuso, ma gli oppositori lo hanno attaccato, ottenendo un referendum che si è svolto al termine di una campagna segnata da proteste e tensioni.

Il Green pass della Svizzera

«Il successo del referendum indetto in Svizzera sulla legge che introduce il green pass evidenzia in tutta chiarezza come i cittadini approvino la linea della responsabilità – ha detto la vice capogruppo di Forza Italia al Senato, Licia Ronzulli – Una linea che in Italia trova conferma innanzitutto nella eccezionale adesione alla campagna vaccinale che ha raggiunto una percentuale di ben circa 20 punti più elevata della Svizzera. E’, insomma, assolutamente chiaro che la stragrande maggioranza dei cittadini italiani ed europei si fidano della scienza e sono a favore di vaccini e green pass, strumenti necessari per superare la pandemia. Altrettanto evidente è che non può essere una minoranza di ‘bastian contrarì a compromettere la sicurezza sanitaria di tutti. Chi rifiuta vaccini e green pass deve quindi accettare le limitazioni a cui è soggetto a causa di una scelta assolutamente incomprensibile oltre che pericolosa per l’intera comunità».

Denunce e multe per la mascherina a Milano

Ieri sera, i Carabinieri del Nucleo Informativo di Milano hanno denunciato in stato di libertà l’attivista del Movimento No Green Pass, che ieri era stato perquisito perché responsabile dell’aggressione ad un giornalista di La7, nel corso della manifestazione dello scorso 13 novembre. Monitorando la manifestazione di ieri contro il Green Pass, i Carabinieri del Nucleo Informativo hanno notato il manifestante che era riuscito a raggruppare alcuni attivisti in piazza Duomo, facendo partire un corteo di una cinquantina di persone su via Torino, subito però bloccate dalla forza pubblica. L’uomo è comunque riuscito a eludere il blocco e ha costretto un’auto a fermarsi mettendosi davanti al veicolo. Poi ha bloccato un passante a bordo di uno scooter, scaraventandolo a terra. L’attivista è stato fermato dai Carabinieri del Nucleo Informativo che lo hanno sottoposto a perquisizione personale e accompagnato alla caserma Moscova per deferirlo in stato di libertà per istigazione a delinquere, manifestazione non autorizzata e violenza privata aggravata.

Sono 100 invece le persone identificate dalla Polizia di Stato di Milano durante la manifestazione non preavvisata di piazza Duomo. Di queste – comunica la questura – 9 saranno denunciate per manifestazione non preavvisata, violenza privata e interruzione di servizio pubblico. Inoltre sono in corso ulteriori accertamenti nei confronti dei partecipanti alla manifestazione non preavvisata per eventuali provvedimenti dell’autorità giudiziaria e per le sanzioni amministrative anche legate al mancato utilizzo delle mascherine, obbligatorio lungo l’asse Castello-San Babila come previsto dall’ordinanza del sindaco

28 Novembre 2021
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Il giornale
Più letto del mondo