Milano
4:41 pm, 23 Novembre 21 calendario
3 minuti di lettura lettura

Lombardia: crescono i malati Covid in terapia intensiva

Di: Redazione Metronews
condividi

Cresce l’occupazione dei posti letto Covid nei reparti di terapia intensiva della Lombardia. A dirlo, il monitoraggio Agenas del 22 novembre, secondo cui in regione si è registrata un incremento settimanale dell’11%. Intanto però le prenotazioni per la terza dose di vaccino hanno sperato quota 2 milioni. A dirlo, con un post su Facebook, l’assessore Letizia Moratti. «Saranno oggi più di 2 milioni i cittadini lombardi che hanno aderito alla terza dose di vaccino, per una media giornaliera di 128.644 prenotazioni nell’ultima settimana», ha scritto. Moratti ha poi aggiunto che «solo ieri le adesioni sono state poco meno di 184 mila». Più di 800 mila le somministrazioni di terza dose effettuate, con in testa la provincia di Milano con 254 mila inoculazioni. «Ottimo – ha poi commentato Moratti – l’andamento delle somministrazioni della terza dose nelle Rsa, che ha superato abbondantemente quota 75 mila tra ospiti ed operatori, mentre sono più di 10 mila le somministrazioni fatte nelle farmacie e poco più di un migliaio quelle, prevalentemente domiciliari, effettuate da medici di medicina generale e Asst».

In crescita anche le adesioni totali alla campagna vaccinale che in Lombardia si avvicinano al 92% della popolazione vaccinabile over 12 anni. Domani sarà superata l’importante soglia del 90% di lombardi che hanno completato il ciclo vaccinale.

In Lombardia gli adolescenti 12-19 anni risultano vaccinati con seconda dose al 78%, al 93% la fascia 20-29enni, all’87% i 30-39enni, all’86% i quarantenni, al 91% la fascia 50-59 anni, al 93% i sessantenni, al 94% i 70-79enni, al 99% gli ottantenni e al 100% gli over 90. «I cittadini lombardi stanno rispondendo in modo encomiabile agli appelli all’adesione alla terza dose di vaccino. Questa settimana i centri vaccinali terranno una media superiore alle 40mila somministrazioni quotidiane», sottolinea l’assessore. «Quotidianamente – conclude – assistiamo anche a più di 3 mila prenotazioni di prima dose da parte di cittadini rimasti sino ad ora in attesa. Solo ieri hanno aderito 4.465 persone non ancora vaccinate».

Sala: “Vaccino Covid obbligatorio? difficile, meglio fare i controlli”

Sempre oggi di vaccini ha parlato anche il sindaco Beppe Sala, per il quale «Sarebbe irrealistico immaginare l’obbligo vaccinale, tecnicamente è difficile da fare, ma credo che una stretta nel periodo natalizio ci stia». «Dal mio punto di vista, mi chiedo come si fanno i controlli perché se il tema è l’accesso a determinati luoghi e qualcuno verifica va bene, ma se siamo noi a dover controllare la quantità di gente che sta in giro, è un po’ più complesso. Bisogna mettere insieme la regola e l’applicazione della regola». Sala si è inoltre detto favorevole alla riduzione ai cinque mesi dell’intervallo prima di poter fare la terza dose di vaccino: «Mi sembra giusto. È un’analisi tecnica, la via della vaccinazione è l’unica. Poi si può discutere, vedo ogni giorno qualche protagonista del dibattito che interviene, ma i numeri parlano chiaro e i paesi più in difficoltà sono quelli con la vaccinazione più bassa», ha concluso.

Leggi di più

Salgono i ricoveri Covid in 8 regioni

fdsa

 

23 Novembre 2021
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Il giornale
Più letto del mondo