Serie A
4:41 pm, 22 Novembre 21 calendario
3 minuti di lettura lettura

Roma e la favola Felix: e Zaniolo resta in stand-by

Di: Redazione Metronews
condividi

CALCIO – La Roma di Mourinho alla fine è lì, davanti a Lazio e Juventus: a quota 22 punti, è a immediato ridosso delle quattro di testa. E se i giallorossi, pur fra tante discussioni e contraddizioni, possono sorridere, lo devono molto al ritrovato Mkhitaryam e soprattutto alla favola del momento, quel Felix Afena-Gyan che promette di dire la sua anche in futuro. Zaniolo, che a Genova ha fatto panchina, resta in stand-by: può decisamente attendere, con pazienza.

Mourinho regala le scarpe promesse a Felix (Instagram, @ohenegyanfelix9)

Roma, la favola di Felix Afena-Gyan e il Ghana in festa

Felix ha appena 18 anni e viene dal Ghana: per migliorarsi, ha perfino deciso di non rispondere alla convocazione della sua nazionale e di restare a Trigoria. Il risultato si è visto: due gol meravigliosi che hanno steso il Genoa. Gli sono bastati pochi minuti del secondo tempo (è entrato a un quarto d’ora dalla fine). E ha collezionato una serie di record: diventa il primo giocatore nato dopo il  primo gennaio 2003 ad aver trovato il gol nel massimo campionato italiano; è il più giovane ad aver segnato una marcatura multipla nei maggiori cinque campionati europei nel 2021/22 (18 anni, 10 mesi, 2 giorni); è il più giovane calciatore straniero nell’era dei tre punti a vittoria ad aver segnato una rete in Serie A con la maglia della Roma; è il più giovane giocatore ad aver segnato una marcatura multipla con la maglia della Roma in Serie A nell’era dei tre punti a vittoria. Mourinho è entusiasta di lui: gli ha dovuto comprare quelle scarpe da 800 euro che gli aveva promesso in caso di exploit, dopodiché si è convinto a sottrarlo definitivamente alla Primavera di De Rossi (Felix aveva già debutatto contro il Cagliari il 27 ottobre scorso). Lo ha letteralmente incensato: «Quel che mi ha colpito di lui è soprattutto la freddezza sotto porta, oltre alla sua fisicità e alla sua umiltà. Nel 2021 trovi tanti ragazzi che pensano di sapere tutto, mentre lui cerca di imparare tanto da noi. Mi dispiace per De Rossi, perché perde Felix per la Primavera, ma credo che anche lui sarà contento in questo momento».

Mourinho e Zaniolo

Parole, quelle di Mou, che chiamano in causa Zaniolo, rimasto in panchina. Mou rassicura: «Zaniolo è un grande giocatore», poi aggiunge che con questo modulo (obbligato, visto che non sono disponibili terzini sinistri), a due attaccanti, Zaniolo ha bisogno di spazio, quindi deve attendere, e insomma per il momento viene privilegiato Felix, più lesto ad attaccare in verticale.  Olivier Arthur, l’agente di Felix, dice del suo assistito, un puro prodotto dello scouting romanista nei Paesi emergenti: «In Ghana c’è grandissimo entusiasmo per quello che è successo a Genova, sono impazziti per lui: nelle radio, in tv e sui social non si parla di altro e sto ricevendo chiamate da chiunque. Come velocità, struttura fisica e movenze può ricordare Samuel Etòo». Beppe Dossena, già ct proprio del Ghana, aggiunge: «Felix è la dimostrazione che quello è un continente straordinario, lui è solo un granello della sabbia d’Africa nel formare calciatori. Non mi stupisco, è tutto nella norma: il Ghana è forse uno dei paesi migliori a coniugare fisico e tecnica, ma più o meno tutti i paesi del continente sono delle miniere d’oro. Ora per lui comincia la parte più difficile: ha le sue doti, adesso bisogna gestire emozioni, tentazioni, prospettive, deve crescere anche fuori dal campo e deve farlo venendo preparato gradualmente. Non solo da Mourinho, ma anche dal procuratore, la società, tutti coloro che gli sono vicini famiglia compresa. Questi soggetti devono metterlo in grado di gestire soldi, carriera, allenamenti. Adesso è tutto fantastico ma poi cominceranno le difficoltà, le responsabilità».

Nessun razzismo, assicura Felix

«Voglio assicurare tutti che non mi sono sentito in alcun modo offeso dal commento che si sente di sottofondo nel video, e credo sinceramente che non ci fosse alcun intento razzista». Così Felix Afena-Gyan, in una story su Instagram, chiude il “caso” scoppiato dopo il video sulle scarpe che, come promesso, gli sono state regalate dal tecnico della Roma José Mourinho dopo la doppietta dell’attaccante al Genoa. Mentre il giocatore scarta il regalo si sente qualcuno che dice «ci sono le banane dentro, Felix». «Sin dal primo giorno che sono arrivato qui, mi sono sentito accolto in famiglia da tutti, che hanno scherzato con me come fanno con tutti gli altri -spiega Felix-. Siccome vedono che mangio tante banane, è diventata una cosa sulla quale di tanto in tanto ridiamo e credo che quel commento sia un altro esempio in questo senso. Mi sento a casa qui a Roma, sono grato per il supporto che ho ricevuto da tutti a Trigoria e non mi piace pensare che la gente possa farsi idee sbagliate. Grazie per esservi preoccupati ma ora torniamo a concentrarci sulla prossima partita», conclude il giovane attaccante della Roma.

22 Novembre 2021
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Il giornale
Più letto del mondo