Milano
4:22 pm, 18 Novembre 21 calendario
3 minuti di lettura lettura

Sala: «Via le auto da Buenos Aires e sì a nuovi parcheggi»

Di: Redazione Metronews
condividi

Eliminare i parcheggi delle auto da corso Buenos Aires al più presto e disponibilità a un nuovo piano parcheggi. Del futuro prossimo della sosta in città, il sindaco Beppe Sala ha parlato oggi durante l’incontro “Investire in Milano” organizzato dal Sole 24 Ore. «Conto di arrivarci il più in fretta possibile con buon senso», ha spiegato Sala. Circa Buenos Aires ha spiegato: «Come in tutti i grandi viali europei c’è uno spazio per le auto, uno per le biciclette, ma non ci sono posteggi di fianco. Noi dobbiamo arrivarci, non siamo diversi dagli altri: i grandi viali internazionali sono fatti senza auto parcheggiate sul viale stesso».

Il sindaco ha poi aggiunto: «ben vengano iniziative per costruire nuovi parcheggi: se qualcuno presenta progetti fattibili in tempi bevi, che non inchiodino spazi cittadini per cinque anni con difficoltà per chi ci vive, io sono totalmente d’accordo. Però è chiaro che o si riduce il numero di auto che circolano, oppure conti non tornano. Non è impossibile: 25 anni fa a Milano c’erano 60 auto per 100 abitanti, oggi siamo a 50/51 e possiamo andare in una dozzina d’anni a 40. A quel punto avremmo risolto la questione».

Sala (ri)promette 500 nuovi Ghisa

Sala ha poi affrontato anche il tema sicurezza, assicurando che arriveranno presto i 500 nuovi vigili promessi in campagna elettorale. A quanti hanno definito Milano città insicura, Sala ha detto «rispondo con le parole del Prefetto e del Questore che mostrano come la criminalità a Milano sia diminuita. Ovviamente non è solo un problema di polizia locale, però la mia promessa e di assumere in tempi rapidi 500 giovani vigili e vigilesse che potranno dare una mano». «C’è differenza tra la sicurezza percepita e quella reale», ha concluso, «certo io non voglio ignorare che la percezione sia comunque importante. La sicurezza la si gestisce con uomini o donne di servizio».

18 Novembre 2021
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Il giornale
Più letto del mondo