Covid
3:10 pm, 18 Novembre 21 calendario
5 minuti di lettura lettura

Sassonia verso lockdown totale. Austria, nuove strette

Di: Redazione Metronews
Vaccino
condividi

Il lockdown per i non vaccinati da covid non basta. In Austria, i land più colpiti dall’impennata dei contagi vorrebbero imporre in confinamento per tutta la popolazione, in un tentativo di arginare la quarta ondata. Lo hanno anticipato i premier dei laender di Salisburgo e Alta Austria. Il lockdown per i non vaccinati è entrato in vigore lunedì 15 e dovrebbe durare 10 giorni. Nuove misure potrebbero essere decise domani, in una nuova riunione tra il governo federale e i governi regionali. In Austria nelle ultime 24 ore sono stati registrati altri 15.145 casi, con l’incidenza settimanale schizzata a 989 contagi ogni 100mila abitanti.

Da febbraio 2020 in Austria un milione di casi di covid

Dal 25 febbraio 2020, giorno delle prime due positività in Austria, le persone testate positive hanno superato il milione (1.011.465). L’incidenza settimanale è ulteriormente salita, oggi è pari a 988,7. Nella giornata di ieri sono decedute 55 persone per un totale di 11.903 vittime da inizio pandemia. In piena emergenza gli ospedali: in diverse strutture non ci sono più posti in terapia intensiva e i letti vengono posizionati anche nei corridoi. I posti letti occupati in terapia intensiva sono 498 e ben 2.787 nei normali reparti.

E se i casi di Covid aumentano in tutto il mondo, in Germania la situazione è drammatica. Sono 65.371 i nuovi casi positivi  registrati nelle ultime 24 ore dal Robert Koch Institut e 264 i decessi. Si tratta di un nuovo picco, dopo i 52.826 di ieri. L’indice settimanale è di 336,9 positivi su 100 mila abitanti. L’indice di ospedalizzazione è salito a 5,15 pazienti su 100 mila abitanti (ieri era 4,86). “Non siamo mai stati così preoccupati come adesso”, “siamo in una situazione di emergenza molto seria” e “avremo un Natale davvero terribile se non intraprendiamo qualcosa contro la tendenza attuale”. È quello che ha detto il presidente del Robert Koch Institut, Lothar Wieler, in un intervento a una videoconferenza ieri sera a Dresda. “Le stime sono più che fosche”, ha aggiunto. “Dietro le 50 mila infezioni registrate si nascondono almeno il doppio o il triplo dei numeri”, ha spiegato. “C’è una grande emergenza nel nostro Paese e chi non la vede commette un grave errore”.

La Sassonia pensa a un lockdown generalizzato

La Sassonia è il primo Land in Germania in cui si sta pensando ad un lockdown generalizzato per far fronte alla quarta ondata del Covid, che nella regione ha raggiunto un indice settimanale di contagio di 761,4 casi su 100 mila abitanti e ha già comportato un sovraccarico delle terapie intensive. Secondo la Bild, ristoranti, hotel e negozi potrebbero chiudere fino al 15 dicembre.

18 Novembre 2021
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Il giornale
Più letto del mondo