Tv Discovery+
5:00 am, 15 Novembre 21 calendario

Il fenomeno “Drag Race” su Discovery+

Di: P.P.
condividi

TV Prima se ne è andato in giro per il mondo conquistando nelle sue 12 edizioni ben 24 Emmy Awards. Ora arriva in Italia Drag Race, dal 19 novembre in esclusiva su Discovery+: 6 puntate da 75 minuti ciascuna, con rilascio settimanale in piattaforma.

Così il fenomeno internazionale creato dalla star statunitense RuPaul fa il suo esordio sul piccolo schermo. Nel talent otto drag queen si sfideranno a colpi di performance per aggiudicarsi il titolo di Italia’s First Drag Superstar. La vincitrice diventerà ambassador MAC Cosmetics per un anno e firmerà la propria collezione di prodotti in edizione limitata.

La giuria

Prodotto da Ballandi per Discovery Italia, il talent si avvarrà di una giuria formata dalla drag queen Priscilla, dall’attrice, conduttrice e scrittrice Chiara Francini, e dall’influencer e conduttore tv Tommaso Zorzi. In ogni episodio i giudici saranno affiancati da un giudice di puntata che, insieme a loro, commenterà e valuterà l’esibizione delle drag in gara.  

Le sfide

In ogni puntata le otto concorrenti, provenienti da tutt’Italia, si affronteranno in vere e proprie “challenge” in cui dovranno sfoderare talento, carisma, coraggio, eleganza e stravaganza per raccogliere i consensi dell’intera giuria. Ironia e creatività con un pizzico di competizione sono, quindi, requisiti imprescindibili con i quali le drag queen lotteranno per rimanere in gara e cercare di arrivare fino in fondo.

Oltre agli outfit scintillanti, ai make-up spettacolari e alle divertenti performance, nel talent spicca il concetto di drag queen come arte performativa. Da qui il claim del programma “Essere drag è un’arte” che vuole sottolineare l’unicità di un essere umano attraverso il processo della trasformazione, annullando il concetto di sessualità binaria.

L’eliminata a After The Race

Alla fine di ogni puntata l’eliminata sarà ospite nel talk After The Race – disponibile solo su discovery+, tutti i sabati, dal 20 novembre – in cui Tommaso Zorzi rivivrà con la concorrente i momenti più belli e più critici del percorso di Drag Race Italia.

A scandire il ritmo di Drag Race Italia, ci penserà la playlist ufficiale in esclusiva su Apple Music: sarà aggiornata ogni venerdì con i brani che accompagneranno i telespettatori nel corso delle puntate.

La versione italiana

Anche nella versione italiana, in ogni puntata le otto drag queen dovranno superare due  prove: la minichallenge, una sfida “rapida” che metterà in risalto la loro ironia, e la maxichallenge, una prova più strutturata nella quale la creatività diventerà un elemento imprescindibile. Durante il programma le concorrenti dovranno concentrarsi sul tema di puntata e portarne la loro interpretazione sul Main Stage sfilando con abiti realizzati da loro, per cercare di conquistare la giuria.  Oltre al palcoscenico dove si esibiranno le concorrenti, ci sarà anche la Werkroom, luogo in cui le drag queen potranno lavorare agli outfit che presenteranno per le loro performance. Le concorrenti che conquisteranno meno i giudici e i giudici di puntata dovranno giocarsi il proseguimento nella gara con il celebre Lip sync for your life, una sfida in cui dovranno eseguire alla perfezione il playback di una famosa canzone.

Le otto Drag Queen in gara

Le otto Drag Queen pronte a tutto per vincere la prima edizione di Drag Race Italia sono: Ava Hangar, 36 anni di Carbonia, che si definisce “una drag rassicurante, una soubrettona svampita che non spaventa la gente”; Divinity, 27 anni di Napoli, con tante ambizioni ma soprattutto con tanta voglia di riscatto porta nel talent l’orgoglio napoletano; Elecktra Bionic, 27 anni di Torino, posata, misurata, elegante e giunonica (con gli oltre 2 metri che raggiunge con i tacchi); Enorma Jean, 46 anni di Milano, della “old generation”: molto sicura di sé stessa, la sua caratterizzazione si sposa con quella di una “sciura” milanese un po’ snob; Farida Kant, 33 anni di Lecce, sofisticata, costumista, ballerina è una drag queen che ama stuzzicare per cercare le reazioni più impreviste; Ivana Vamp, 32 anni di Arezzo, è imponente, simpatica, con uno sguardo rivolto al passato e le mani che cuciono abiti che strizzano l’occhio all’Haute Couture; Le Riche, 35 anni di Palermo, è la muscle drag del cast, una trasformista a cui piace giocare con gli abiti e stupire con inaspettati cambi; Luquisha Lubamba, 33 anni di Bologna, è una drag prorompente, svampita quanto basta, che riesce a spiazzare con le sue performance e i suoi look.

La prima puntata

Nella prima puntata faranno il loro ingresso in Werkroom le otto drag queen italiane che rappresentano il panorama nazionale. Dopo essersi conosciute le concorrenti si sfideranno in un classico: lo scatto fotografico, ambientato a Venezia. Una volta in Werkroom saranno chiamate ad affrontare la prima Maxi-Challenge: creare un abito italian Style per sorprendere, in passerella, sia i giudici che la prima giudice di puntata, Cristina d’Avena.

Il glossario

Condragulazioni: sostantivo. Traduzione del “condragulations” di RuPaul per fare i complimenti alle drag queen che vincono le varie puntate

Don’t f**k it up!: è l’avvertimento che RuPaul lancia alle due drag queen pronte per il Lipsync for your life, un monito a fare bene. Per l’edizione italiana, Priscilla ne ha fatto un suo personale e partenopeo adattamento: “Nun facit’ strunzat”

Eleganza extravaganza:  sostantivo. Quando essere eleganti non basta, ma bisogna essere anche favolose. Oltre. È la “categoria” per eccellenza di RuPaul’s Drag Race. “Category is: eleganza extravaganza!”

Lipsync for your life: le due concorrenti a rischio eliminazione si sfidano sulle note di un brano iconico per garantirsi la propria permanenza all’interno del programma. Imprevedibili e appassionanti: i playback delle candidate a rischio eliminazione sono garanzia di grande spettacolo.

Mainstage: è il luogo in cui si svolge la parte di Drag Race dedicata allo show. Qui le drag queen, sotto il vigile occhio dei giudici, sfilano sulla passerella e si sfidano nel Lip Sync for your life. Talvolta è la location dove vengono svolte alcune maxi challenge.

Minichallenge e Maxichallenge: due sfide che in ogni puntata mettono in risalto le abilità delle drag queen. Nella Minichallenge le prove sono veloci e molto ironiche, nelle Maxichallenge si punta anche a una certa creatività e abilità tecnica.

Rusical: è un musical a tema, prova iconica di Drag Race. Il neologismo è dato dall’incontro tra il nome RuPaul e la parola Musical.

Ru-veal: verbo. quando “RuPaul” incontra il “reveal”. Usato spesso per definire, durante i lipsync for your life, cambi d’abito improvvisi e scenografici.

Sashay away: frase utilizzata per comunicare alla drag queen eliminata di lasciare definitivamente il palco di Drag Race.

Shantay, you stay: frase utilizzata per comunicare alla drag queen a rischio eliminazione che è salva e può rimanere in gara. Era contenuta nel singolo del 1992 “Supermodel (You better work)” ovviamente di RuPaul.

Snatch game: prova iconica di Drag Race in cui le queen si cimentano come impersonator, imitando i personaggi famosi in chiave dissacrante è irresistibile.

Werkroom: è il luogo dove le queen preparano i loro abiti per il mainstage ed è la stessa location dove spesso svolgono le minichallenge.

https://www.discoveryplus.it/programmi/drag-race-italia

P.P.

 

 

 

 

 

 

 

 

 

15 Novembre 2021 ( modificato il 14 Novembre 2021 | 18:41 )
© RIPRODUZIONE RISERVATA