Teatro
10:43 am, 4 Novembre 21 calendario
4 minuti di lettura lettura

Le marionette dei Colla alle prese con Molière

Di: Redazione Metronews
Marionette Carlo Colla
condividi

È sempre tempo di marionette. Ma in questo periodo dell’anno ancora di più. Per gli appassionati e non solo la Carlo Colla & Figli porta in scena, nuova produzione del 2017 presentata al Piccolo Teatro di Milano e da allora mai più ripresa, un testo di Molière, Il medico suo malgrado. Continuando così nell’opera di presentazione dei testi classici. Appuntamento dal 6 novembre nella sede dell’Atelier di via Montegani.

Le marionette nel tempo

Il soggetto era già presente nel repertorio della Compagnia fin dalla seconda metà dell’800 con il titolo La lavandaia astuta, ma in forma assai riassunta con numerosi tagli e correzioni al testo che lasciavano in evidenza una tradizione poco accurata e lontana dallo spirito mordace del suo autore. Più tardi il titolo venne modificato in Famiola schiappalegna e dopo il 1911 sino al 1957 fu rappresentato al Teatro Gerolamo con il titolo Gerolamo medico empirico.

Lo spessore del testo aveva lasciato posto a una trama assai edulcorata; lo stesso personaggio di Gerolamo era ormai lontano da quello più feroce di Sganarello. Questa edizione, nella tradizione della Compagnia, con musiche di Lulli, nuove marionette, nuove scenografie e nuovi costumi, presenta il personaggio originale e la versione integrale della commedia in una particolare ambientazione e richiama il mondo che gravitava intorno all’autore. La scena è principalmente collocata su una pedana e ambientata nei giardini di Versailles, completamente fioriti di glicine. In questo nuovo allestimento, le scene non sono calate dall’alto, ma ruotano mostrando ogni volta un ambiente diverso.

“Il medico suo malgrado”, la storia

La nota vicenda racconta di Martina, moglie di Sganarello (Gerolamo) che, per vendicarsi delle botte ricevute, lo fa passare per un grande medico. Tipo un po’ bizzarro, che svolge la sua opera solo se costretto… a bastonate. Sganarello viene così “incentivato” a curare Lucinda, figlia del ricco Geronte, che sembra colpita da un improvviso mutismo. La fanciulla sta solo cercando di salvarsi da un matrimonio imposto dal padre e non gradito. Lei è, infatti, innamorata di Leandro, giovane in apparenza spiantato. Scoperto l’inganno, Sganarello usa la sua furbizia per simulare la guarigione e spingere il padre ad accettare l’amore tra i due giovani.

4 Novembre 2021
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Il giornale
Più letto del mondo