Torino
8:00 pm, 21 Ottobre 21 calendario
4 minuti di lettura lettura

Lo Russo sindaco parte dalla periferia e va Falchera

Di: Redazione Metronews
condividi

A tre giorni dal voto il neo sindaco di Torino Stefano Lo Russo va nel quartiere con il più basso tasso di affluenza alle urne e uno dei quartieri poi periferici, Falchera. Ieri mattina ha incontrato Rodolfo Grasso, noto come il sindaco di Falchera, anima dell’attivismo sociale del quartiere, ex funzionario Fiat. «Avevo preso con lui, e con le cittadine e i cittadini del quartiere l’impegno di tornare subito dopo il voto – racconta il sindaco su Facebook-. E stamattina a sorpresa sono stato al Centro sociale di piazza Astengo. E’ un quartiere con una vivacissima rete di associazioni, dove è forte il senso di appartenenza. I progetti e l’entusiasmo non mancano e, tanto più ora da sindaco, continuerò ad esserci». L’impegno è quello di abbattere le distanze tra i quartieri, riportare alcuni servizi amministrativi comunali e un piano di valorizzazione degli spazi urbani.

Con Lo Russo entra Viale

Intanto dopo i riconteggi entra in consiglio il medico radicale Silvio Viale. Gli accertamenti post voto dell’ufficio elettorale vedono, infatti, un cambio nella lista civica Lo Russo Sindaco, con una inversione d fra il secondo e il terzo arrivato. Al ginecologo, uno dei padri della Ru486 e paladino dei diritti, sono stati assegnati 487 voti, che lo piazzano dunque davanti a Elena Apollonio, che si ferma a 482. Per lei non è escluso a priori un ingresso a Palazzo Civico nel caso in cui il primo eletto , Paolo Chiavarino, venisse scelto per un ruolo in Giunta.

21 Ottobre 2021
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Il giornale
Più letto del mondo