torino
4:42 pm, 18 Ottobre 21 calendario

Torino, Lo Russo: “Cerchiamo di far ripartire la città”

Di: Redazione Metronews
Comunali
condividi

In base ai risultati definitivi del Viminale relativi al ballottaggio per l’elezione del sindaco di Torino, quando sono state scrutinate tutte le 919 sezioni, il candidato del centrosinistra Stefano Lo Russo è stato eletto sindaco con il 59,23% dei voti contro il 40,77% del candidato del centrodestra Paolo Damilano.

Lo Russo: “Ora costruzione”

“Ho già avuto modo di sentire telefonicamente sia Paolo Damilano che Chiara Appendino”, ha detto Stefano Lo Russo aggiungendo ” con loro ci vedremo nei prossimi giorni”. “Ringrazio Paolo Damilano per la lealtà della competizione. Torino ha dato una prova di stile e di come si può lavorare anche in termini competitivi e collaborativi. Oggi è il momento della costruzione della città, l’obiettivo è cercare di far ripartire Torino, sono aperto alla collaborazione di tutti”. Così il neo sindaco di Torino, Stefano Lo Russo, che ha aggiunto “ora il mio primo compito sarà essere inclusivo e sostenere istanze sia di chi non mi ha votato, sia di chi non è andato alle urne”. “I rapporti con il Pd sono da sempre straordinariamente positivi in una dialettica democratica, ci sta che alcuni dirigenti abbiano un’opinione e altri un’altra”, dice Stefano Lo Russo, che ha aggiunto: “Ringrazio il Pd nazionale per aver rispettato l’autonomia dei territori. Le polemiche del passato sono definitivamente messe da parte e il voto di oggi lo dimostra”, ha detto ancora. “Questa vittoria la dedico a una persona che per me è stato maestro, un padre, una guida don Aldo Rabino, vorrei fosse qui ma sono certo che da lassù ci guarda”. Sono le prime parole del neo sindaco di Torino, Stefano Lo Russo, che ha così voluto ricordare lo scomparso cappellano del Torino Calcio ma soprattutto l’uomo che lo avvicinò quando era ragazzino al volontariato spingendolo poi a intraprendere la carriera politica.

La nuova Giunta Lo Russo

Stefano o Russo annuncerà la sua giunta il prossimo 25 ottobre. Lo ha detto il neo eletto primo cittadino del capoluogo piemontese spiegando: «Il mio vice sarà una donna come la maggior parte degli assessori». «La prima cosa che farò sarà invitare tutte le energie della città a dare una mano al progetto di ricostruzione di Torino. Vorrei vicino al Comune un sistema economico e sociale capace di fare ripartire la città». Sui prossimi assessori, Lo Russo ha spiegato: «caratteristica che dovranno avere è la competenza specifica della materia di cui dovranno occuparsi. Mi assumo sin da ora la piena responsabilità delle persone che individuerò»

Appendino: “Congratulazioni”

“Congratulazioni al neosindaco, gli faccio i miei migliori auguri di buon lavoro, lo attende un compito complesso ma straordinario”. Così sindaca uscente di Torino, Chiara Appendino, a La7. “Ho già sentito Stefano Lo Russo, e gli ho ribadito la mia disponibilità a fare un passaggio di consegne che mi auguro avvenga il più velocemente possibile. Anche perchè ho una scadenza…”. Appendino avrà a breve un bambino.

Damilano: “Torino non ha lottato”

«Il 60% dei torinesi non si è recato alle urne, la vera sconfitta è la politica. La vera sconfitta è il fatto che ci sia una città che non ha più voluto lottare». Lo ha affermato il candidato sindaco del centrodestra a Torino Paolo Damilano, parlando con i giornalisti a Palazzo civico. «Purtroppo Torino non ha avuto voglia di lottare – ha aggiunto – non ha avuto voglia del cambiamento e noi dovremo invece essere bravi tutti, nel cercare di portare questo partito di maggioranza, cioè chi non ha votato, all’interno del Consiglio comunale e renderlo partecipe». «Nelle periferie – ha detto Damilano – c’è grande disillusione, e la pandemia ha accentuato ancora di più le problematiche, troppo spesso ci hanno detto che ci sono state promesse non mantenute, abbiamo provato a convincerli, ma evidentemente siamo arrivati tardi».

18 Ottobre 2021
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Il giornale
Più letto del mondo