Roma
4:27 pm, 15 Ottobre 21 calendario

No Vax in piazza: “Covid non c’è, Fauci pagato da Gates…”

Di: Redazione Metronews
condividi

Le frasi dicono tutto, sulla convinzione diffusa tra i No Vax: “Questo Covid non esiste, è un Coronavirus come altri. Fauci è un criminale pagato da Bill Gates“. E ancora: “Li hanno ammazzati con la Tachipirina e la vigile attesa. La colpa è del Sistema Speranza”. Sono quelle che si sentono da un gruppo di manifestanti No Vax e No Green pass presenti alla manifestazione al Circo Massimo, centro di Roma. “Il nostro Green pass è la Costituzione”, affermano altri tra gli applausi dei presenti. “Parlano come la Stasi, non hanno senso critico”, dicono alcuni puntando il dito contro i giornalisti presenti. Nel corso della manifestazione è stato anche mostrata una foto di Giuseppe Donno, il medico di Mantova morto suicida nei mesi scorsi. L’area è controllata da tre blindati della polizia di Stato. “Noi siamo le donne, siamo il popolo. Noi siamo la democrazia”. A questa frase, pronunciata dagli organizzatori dal palco, un gruppo di donne si sono spostate dal Circo Massimo per portare rose gialle alle forze dell’ordine presenti ai lati dell’area. “Siamo diventati quasi Gandhiani, abbiamo accettato un triplo spostamento della piazza, nonostante tutto abbiamo aderito perché sono certo che oggi dimostreremo che il popolo italiano è democratico. Noi siamo il popolo, noi siamo la democrazia”, dice l’avvocato Edoardo Polacco, leader dell’associazione “Le Sentinelle della Costituzione” nel corso della manifestazione No-Vax e no Green pass al Circo Massimo. “Questa è la nostra piazza, e chiediamo: libertà, libertà, libertà”, aggiunge Polacco tra gli applausi dei manifestanti arrivati al Circo Massimo. “Alla fine hanno avuto ragione il Prefetto e il Questore: siamo molti più di 1000, siamo 10 mila”, afferma dal palco Polacco. “I sindacati si sono venduti. Fino a una settimana fa nessuno parlava dei sindacati, erano scomparsi. Si sono venduti a Brunetta”, dice Polacco, e a quel punto i manifestanti hanno fischiato.

Gli ex grillini “barricati” alla Regione

Il consigliere del Lazio Davide Barillari, ex M5S, si è invece barricato nel suo ufficio in Regione per protestare contro l’entrata in vigore del Green Pass sui luoghi di lavoro. Con lui la deputata ex M5S e No Vax Sara Cunial. “Sono entrato nel mio ufficio senza Green pass e senza tampone. Da questo momento aspetto le forze dell’ordine che mi dicano che non posso più stare nel mio ufficio a lavorare, aspetto che le autorità di questo Stato, che dovrebbero difendere la Costituzione della Repubblica Italiana, mi vengano a prendere per farmi uscire con la forza”, dice in un video diffuso sui suoi profili social Barillari, che insieme a Cunial mostra un cartello con la scritta “Resistere per esistere”.

No Vax, pochi in piazza a Bari e Catania

Sono state invece poche decine le persone che stamattina hanno partecipato alla manifestazione contro l’obbligo del Green Pass a Bari. Il raduno si è tenuto in piazza Cesare Battisti, nei pressi dell’Università ed è stato seguito dalle forze dell’ordine. Una ventina di persone, nella prima mattinata, aveva manifestato anche davanti alla Bosch di Modugno, si trattava di personale impiegato nella sede barese dell’azienda. Nessun disagio invece al porto di Bari, dove molto alta è la percentuale di vaccinati tra i portuali e dove non è stato seguito l’esempio di altre città italiane. A Catania la protesta dei No Vax dell’Arco dell’alleanza e della Fisi è andata in onda nel giorno dell’ingresso obbligatorio del Green pass. Hanno partecipato alcune centinaia di persone. I contrari alla certificazione verde hanno sfilato per Catania al grido di “libertà, libertà” e scandendo slogan contro il governo nazionale.

Poliziotto sospeso a Siracusa

Un agente di polizia in servizio alla questura di Siracusa è stato sospeso in quanto sprovvisto di Green pass. E’ stato lo stesso poliziotto a rivelarlo, postando sulla sua pagina social il verbale firmato dai suoi colleghi che, stamane, quando si è presentato al lavoro gli hanno chiesto di esibire il certificato, da oggi obbligatorio. “Non potrò accedere nei luoghi di servizio, sospeso e senza stipendio fino al 31 dicembre, poiché non in possesso dell’infame tessera verde, degna del regime nazista della Germania di Hitler degli anni ’30”, ha scritto l’agente di polizia. Sulla vicenda, è intervenuto il capo di Gabinetto della questura, Ferdinando Buceti: “E’ uno dei No Vax che, coerentemente con le sue idee, ha deciso di sottrarsi all’obbligo del Green pass e a tutto quello che il protocollo sanitario prevede per legge. Come conseguenza, si applica la sospensione del servizio con tutte le conseguenze del caso”.

15 Ottobre 2021
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Il giornale
Più letto del mondo