Milano
6:00 pm, 13 Ottobre 21 calendario
3 minuti di lettura lettura

Sala: prima giunta dedicata al Pnrr

Di: Redazione Metronews
condividi

I fondi del Pnrr sono stati l’argomento principale della prima giunta comunale di Milano. Nella conferenza stampa dopo giunta, il sindaco Beppe Sala ha spiegato che «ci siamo detti che in questo momento il tema della rapidità è importantissimo, io ho fatto questo primo giro (l’incontro con il presidente del Consiglio, Mario Draghi, a Roma, ndr.), ma poi ogni singolo assessore prenderà in mano i rapporti con i ministeri. Non vogliamo perdere tempo e credo che andrò rapidamente anche da altri ministri».

La giunta decide sulla Mameli

Entrando nel merito, il sindaco ha spiegato che la delibera più significativa votata dai nuovi 12 assessori nominati sabato scorso, riguarda l’ex caserma Mameli di Viale Suzzani. «Sulla ex caserma Mameli, il progetto prevede la rigenerazione di quell’area: ci sarà tanto verde, ma anche costruzioni ed edilizia popolare. In termini di social housing lì ci saranno circa 500 appartamenti, quindi è una cosa importante».

Case popolari

Proprio sul tema, affrontato in campagna elettorale, di una collaborazione della gestione delle case popolari Aler – Mm, e dunque Regione e Comune, Sala ha ribadito anche in giunta che «siamo convinti che bisogna provarci a trovare una formula comune. Dai primi approcci che ho avuto con il presidente Attilio Fontana mi pare che lui sia stato molto aperto. Dopo la mia nomina ho ricevuto subito due telefonate: una dal presidente Fontana e una dalla vice presidente Letizia Moratti e le due tematiche che vorrei affrontare è quella delle case popolari, mentre con la Moratti ci siamo detti che per le decisione su dove verranno fatte le Case di comunità a Milano il Comune ci entri».

Questione “Tancredi” in giunta

Rispondendo a chi ha chiesto se sia stata chiarita la situazione di incompatibilità del neo assessore all’urbanistica Giancarlo Tancredi, dirigente del Comune di Milano, il sindaco ha spiegato che «un funzionario, dirigente del Comune che accetta di fare l’assessore ha 15 giorni di tempo per trovare una formula che gli permetta di farlo. Conoscendo la questione, con Tancredi abbiamo fatto una cosa diversa, cioè lui prima ha chiesto l’aspettativa e poi il Segretario generale gli ha consegnato la delibera di nomina come assessore».

13 Ottobre 2021
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Il giornale
Più letto del mondo