7:06 pm, 12 Ottobre 21 calendario

Per l’innalzamento dei mari rischiano di essere sommerse 50 città costiere 

Di: Redazione Metronews
condividi

AGI – Circa 50 grandi città costiere nel mondo dovranno attuare “misure di adattamento senza precedenti” per evitare che l’aumento del livello del mare, dovuto all’innalzamento delle temperature globali, inghiotta le loro aree popolate.

È questo il risultato di un nuovo studio condotto da Climate Central, un gruppo di ricerca americano.

L’analisi, in collaborazione con i ricercatori della Princeton University e del Potsdam Institute for Climate impact Research in Germania, ha mostrato come sarebbero queste città se il pianeta arrivasse a una temperatura media superiore di tre gradi celsius rispetto ai livelli pre industriali.

Una situazione che potrebbe verificarsi, secondo le previsioni più pessimistiche, già nel 2060 o nel 2070, se le emissioni di gas serra dovessero continuare a salire anche dopo il 2050. 

Le infrastrutture costiere di protezione contro gli effetti del cambiamento climatico, tuttavia, costano. Potenze come gli Stati Uniti e la Gran Bretagna potrebbero permettersele, ma i Paesi più poveri potrebbero essere lasciati indietro. E nemmeno le piccole nazioni insulari circondate da mangrovie e barriere coralline sarebbero al sicuro: il riscaldamento globale, causando l’acidificazione degli oceani, potrebbe minacciare queste difese naturali.

Secondo il rapporto, le isole che dovrebbero far fronte a una “perdita quasi totale” di terreni e otto delle prime dieci aree esposte all’innalzamento del livello del mare si trovano in Asia. Qui circa 600 milioni di persone sarebbero a rischio inondazioni a lungo termine, 200 milioni delle quali solo in Cina, anche se il riscaldamento globale si manterrà sotto i tre gradi.

Proprio la Cina – dove 43 milioni di persone vivono in zone che potrebbero essere inghiottite entro il 2100 se venisse superato il limite dei tre gradi – è tra i cinque Paesi più vulnerabili da questo punto di vista, insieme a India, Vietnam e Indonesia.

Allargando lo sguardo al mondo intero, arrivando a una temperatura media superiore di tre gradi rispetto ai livelli preindustriali l’alta marea potrebbe invadere aree popolate da più di 800 milioni di persone.

Nello scenario più ottimistico, cioè limitando l’innalzamento a 1,5 gradi, le persone interessate sarebbero comunque circa 510 milioni.

Gli scienziati hanno riferito nello scorso agosto che oggi il mondo è più caldo di circa 1,2 gradi. Per avere una maggiore chance di limitare l’aumento sotto gli 1,5 gradi rispetto ai livelli pre-industriali, ovvero la soglia per evitare gli impatti più gravi della crisi climatica, quasi il 60 per cento del petrolio e del gas naturale rimanenti sulla Terra e il 90 per cento delle sue riserve di carbone dovrebbero rimanere nel suolo entro il 2050.

Nel prossimo novembre, i leader mondiali si riuniranno a Glasgow, in Scozia, per la Cop 26, il summit sul clima delle Nazioni Unite. Discuteranno l’ulteriore limitazione delle emissioni di gas a effetto serra, così come la quantità di finanziamenti con cui le nazioni sviluppate si impegneranno ad aiutare il Sud del mondo ad allontanarsi dai combustibili fossili e adattarsi alle sfide imposte dalla crisi climatica.

12 Ottobre 2021
© RIPRODUZIONE RISERVATA