Milano
1:24 pm, 4 Ottobre 21 calendario
3 minuti di lettura lettura

Droga: sequestrati 715 kg tra cocaina, hashish e marijuana

Di: Redazione Metronews
condividi

Oltre 715 chili di droga, tra cocaina, hashish e marijuana. È il bilancio di due distinte operazioni avvenute tra le province di Monza e Milano, sui quali ora andranno proseguite le indagini per verificare eventuali collegamenti. La droga è stata trovata e sequestrata in due capannoni ed un box, e all’arresto di due italiani incensurati, entrambi residenti in provincia di Milano.

La prima tranche di stupefacenti è stata sequestrata in un capannone ad Agrate Brianza, in provincia di Monza, dove i carabinieri sono arrivati al termine di una serie di appostamenti, il 29 settembre scorso. Dentro hanno trovato 500 kg di hashish e 23 kg di marijuana, unitamente a 25 mila euro in contanti, e tutto il materiale per confezionare lo stupefacente.

In manette è finito un 41 enne italiano, al quale i carabinieri hanno chiesto conto anche di un mazzo di chiavi che aveva addosso. L’uomo li ha accompagnati presso un garage a Pessano con Bornago (Mi), all’interno del quale sono stati sequestrati 1.3 kg di cocaina e un revolver 357 magnum, con tanto di munizioni, illecitamente detenuta. Il presunto spacciatore non ha però voluto rivelare il canale di approvvigionamento dello stupefacente né dettagli sull’intestatario di box e capannone.

Nel capannone 114 chili di hashish

Il primo ottobre invece, sempre a Pessano Con Bornago, i militari avevano bloccato un 42enne italiano mentre si trovava a bordo della sua auto, nella quale erano nascosti due panetti di hashish e un mazzo di chiavi con segnato un indirizzo a Vignate (Mi), corrispondente a un capannone. Lì i militari hanno sequestrato 114 kg di hashish e 78 di marijuana, mentre nell’appartamento del 42enne sono stati trovati anche 57 mila euro in contanti. I due presunti pusher sono stati portati l’uno in carcere a Monza, il secondo a Milano. Le indagini, coordinate dal Pm Alessandro Pepé della procura di Monza, proseguono per ricostruire sia la provenienza dello stupefacente, sia l’eventuale esistenza di una rete di collegamento tra i due spacciatori.

4 Ottobre 2021
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Il giornale
Più letto del mondo