m5S
6:09 pm, 4 Ottobre 21 calendario

M5S, l’ira dei militanti contro Grillo: “Avete distrutto tutto”

Di: Redazione Metronews
condividi

Beppe Grillo finisce nel mirino dei supporter delusi del M5S. “12 anni fa abbiamo fatto l’impossibile. Ora dobbiamo fare il necessario!”, è stato il post del garante M5S, accompagnato da una vecchia foto che lo ritrae con il cofondatore del Movimento Gianroberto Casaleggio. Ma il messaggio di auguri di Grillo non è piaciuto per niente agli ex militanti M5S che si sono riversati sulla bacheca del comico per esprimere il loro dissenso. “Siete riusciti a dissipare tutto in soli 2 anni… impresa ancora più difficile della prima”, scrive Filippo. “M5S: il più grande fallimento della politica italiana degli ultimi anni”, il commento di Claudiu Stanasel, vicepresidente del Consiglio comunale di Prato. “Dodici anni per cambiarlo – attacca Serena – ma in due anni avete distrutto tutti i vostri principi. Peccato avervi votato qualche anno fa”. “Pena e compassione… Siete ladri di sogni! Mai più”, si sfoga invece Olivia. Tra i commenti anche quello di Marì Muscarà, consigliera comunale di Napoli fuoriuscita dal Movimento, che non le manda a dire al garante rispolverando un vecchio cavallo di battaglia: “Vai a fare in c…”.

Il post di Grillo

«12 anni fa abbiamo fatto l’impossibile. Ora dobbiamo fare il necessario!», aveva scritto Grillo quando mancava poco meno di mezz’ora alla chiusura dei seggi, su Twitter. Una frase  accompagnata da una foto dell’epoca, che lo ritrae insieme all’altro cofondatore di M5S, Gianroberto Casaleggio: i due, ritratti nello studio della casa del primo, che si guardano in atteggiamento pensoso. Il tutto, tweet e foto, postato in occasione dell’anniversario del Movimento. La ricorrenza quest’anno coincide con un turno amministrativo che si annunciava come ulteriore banco di prova.

Le riflessioni di Conte

“Fatemi prima analizzare i risultati”, dice il leader del M5S Giuseppe Conte arrivando a Montecitorio dove seguirà lo spoglio. Intanto però che l’esito del voto si fa più definito, con la vittoria di Gaetano Manfredi a Napoli, la debacle grillina nella Torino orfana di Chiara Appendino e la difficile corsa di Virginia Raggi a Roma, la riflessione che si apre nei vertici del Movimento sembra, stando a fonti, che “l’unità paga, la coalizione con il Pd funziona, il risultato incredibile di Manfredi a Napoli ne è la prova”. «Sul voto a Roma aspetterei a fare delle valutazioni, che vanno fatte con prudenza – ha poi detto Conte al Tg1 – Avevo detto che ci avrei messo la faccia e sono qui. Questo è il momento della semina per M5s, siamo all’inizio di un nuovo corso».

4 Ottobre 2021
© RIPRODUZIONE RISERVATA