6:59 pm, 13 Settembre 21 calendario

**M5S: rabbia neo eletti su candidature garanti, ‘conflitto interessi su vincolo 2 mandati’**

Di: Redazione Metronews
condividi

Roma, 13 set. (Adnkronos) – “I soliti noti”, ma stavolta non è quello il problema. Sulle candidature al comitato dei garanti decise da Beppe Grillo -tutti nomi di peso, da Luigi Di Maio a Roberto Fico, passando per Virginia Raggi e Carla Ruocco- si agitano gli animi dei parlamentari grillini eletti per la prima volta in questa legislatura, da sempre sul piede di guerra affinché resti in piedi la regola dei due mandati, voluta da Beppe Grillo e Gianroberto Casaleggio per evitare la contaminazione dei ‘palazzi’ e preservare l’anima del Movimento. Una regola aurea del M5S della prima ora, quello del ‘vaffa day’, dei ‘cittadini portavoce’ e del Grillo che animava le piazza di tutta Italia a bordo di un camper. E sulla quale, prima o poi, dovrà pronunciarsi il neo capo politico, Giuseppe Conte.

E così nei conciliaboli dei parlamentari al primo mandato e in alcune chat ‘ristrette’, visionate dall’Adnkronos, rimbalza l’accusa del “conflitto di interessi”. Perché tutti i nomi avanzati da Grillo -che prima di renderli noti ne ha preventivamente informato l’ex premier- i due mandati li hanno già alle spalle. E quando Conte dovrà sciogliere il nodo della deroga al vincolo del doppio mandato i garanti saranno chiamati a pronunciarsi, “e allora te li voglio proprio vedere…”, lamenta e sintetizza un eletto. L’unica per cui la regola targata Grillo e Casaleggio è già saltata -con tanto di voto sulla ‘vecchia’ piattaforma Rousseau- è Virginia Raggi, perché con una votazione risalente all’estate dello scorso anno il vincolo venne abolito per i consiglieri comunali grillini. Sindaca di Roma compresa.

13 Settembre 2021
© RIPRODUZIONE RISERVATA