caldo
3:21 pm, 10 Agosto 21 calendario

Caldo record, con Lucifero Italia da bollino rosso

Di: Redazione Metronews
condividi

L’anticiclone Lucifero mette sotto scacco l’Italia: il caldo estremo continuerà ad aumentare giorno dopo giorno, dapprima al Sud e poi anche al Centro-Nord. Già oggi però sono 4 le città italiane da “bollino rosso”, ossia con condizioni climatiche a rischio anche per le persone sane: si tratta di Bari, Campobasso, Rieti e Roma. Le cose peggioreranno nei prossimi giorni: domani le città “rosse” saranno 8, Bari, Campobasso, Frosinone, Latina, Palermo, Perugia, Rieti e Roma. Giovedì saranno addirittura 10, con l’aggiunta anche di Trieste e Bologna. A Roma massime percepite di 37 gradi oggi e domani, di 38 dopodomani, ma andrà peggio a Latina (39 gradi domani e dopodomani) e Frosinone (40 gradi), mentre a Palermo domani la temperatura percepita raggiungerà i 42 gradi.

Caldo da record, 45 gradi a Siracusa

Nei prossimi giorni in Sardegna e Sicilia si supererà la soglia dei 45 C come a Siracusa e Sanluri, in Calabria e sulle coste ioniche di Puglia e Basilicata si toccheranno punte di 42 C, in Campania 38 C come a Napoli. Da giovedì e almeno fino al weekend di Ferragosto invece l’anticiclone Lucifero sposterà il suo bersaglio al Centro-Nord. Caldo e afa cominceranno a fare sul serio in Toscana, Lazio, Emilia, Lombardia, Veneto con valori massimi di temperatura fino a 39 C a Firenze, 38 a Roma e Bologna, 37 a Rovigo, Bolzano, Mantova, 36 a Milano. L’afa renderà insopportabili le notti che si trasformeranno in tropicali con temperature di 30 C fin quasi a mezzanotte e tassi di umidità alle stelle.

Gli incendi preoccupano

Preoccupano gli incendi che stanno investendo tutta la Penisola, la situazione è critica in molte zone, in particolare in Sicilia. In fiamme i boschi della provincia e i cassonetti di rifiuti. Tra vegetazione e pattume in cenere, il caldo record, il capoluogo siciliano appare sotto assedio. I Canadair sono intervenuti nelle Madonie, tra Petralia Sottana e San Mauro Castelverde. Sul posto squadre dei vigili del fuoco e mezzi aerei. Stesso scenario a Misilmeri. Intanto, è stata un’altra notte di cassonetti dati alle fiamme, insieme al loro maleodorante carico di rifiuti, in una città dove la raccolta è entrata nuovamente in crisi.     Anche la Coldiretti lancia l’allarme: le ondate di calore con la siccità rappresentano l’evento climatico avverso più rilevante per l’agricoltura italiana con danni stimati in un miliardo di euro all’anno soprattutto per le quantità e la qualità dei raccolti. L’afa e la prolungata mancanza di pioggia stanno seccando la terra, scottando la frutta e la verdura, impoverendo i vigneti, facendo cadere olive e agrumi dagli alberi e provocando stress negli animali allevati. In sofferenza per le alte temperature, dagli ortaggi alla frutta, dal mais alla soia, dal girasole al pomodoro da conserva fino al foraggio necessario per l’alimentazione del bestiame.

10 Agosto 2021
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Il giornale
Più letto del mondo