Covid
1:05 pm, 5 Agosto 21 calendario
3 minuti di lettura lettura

Green Pass: chi si vaccina è fuori da Forza Nuova

Di: Redazione Metronews
condividi

Green Pass: chi si vaccina è fuori da Forza Nuova. Chiaro e semplice. Il vaccino anti-Covid salva la vita. Stesso discorso per i tamponi che, evitano a chi è positivo al Covid-19, di trasportare il virus e creare nuovi focolai. Ma c’è chi, per rimanere all’interno di un movimento politico, sarà costretto a rischiare la pelle. E’ questa infatti la nuova regola interna di Forza Nuova, il movimento di estrema destra che, per non piegarsi all’uso del Green Pass voluto dal governo Draghi, ha deciso di espellere dal movimento tutti coloro che decideranno di vaccinarsi. Parliamo di circa 20 mila persone a cui, nelle scorse ore, è arrivata una lettera firmata, tra gli altri, dal leader del movimento politico, Roberto Fiore; dell’ultrà dell’Hellas Verona, Luca Castellini e del leader romano, Giuliano Castellino. Le nuove regole entreranno in vigore domani. 

Green Pass: chi si vaccina è fuori da Forza Nuova

Green Pass, chi si vaccina è fuori da Forza Nuova. «Oggi il Green Pass sanitario è – dopo quasi due anni di restrizioni, coprifuoco, museruole e arresti domiciliari di massa – l’arma definitiva necessaria al regime per procedere sulla via di un altrettanto definitivo controllo sociale fondato sul terrore, che potrà essere solo ancora più asfissiante e spietato contro i dissidenti», si legge nella comunicazione interna. «L’ufficio politico del movimento ha deliberato quanto segue: chiunque, militante o dirigente, per qualunque ragione si adeguasse a questa intollerabile e, nelle intenzioni del sistema, definitiva operazione di controllo sociale subirà l’immediata e irrevocabile espulsione da Forza Nuova, anche se, a dire il vero – si legge ancora nella missiva -, sottomettendosi in questo modo alle regole imposte dal sistema, si metterebbe, nei fatti, fuori da solo».

Green Pass: chi si vaccina è fuori, ma con qualche eccezione

«Naturalmente – scrivono ancora i leader del movimento -, non sarà interessato alla misura estrema chi, per ragioni familiari, personali o lavorative, facesse ricorso all’uso del tampone rapido, così come chi, magari un vaccinato pentito, si rifiutasse comunque di munirsi dello strumento Green Pass, anche a costo di perdere il lavoro».

5 Agosto 2021
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Il giornale
Più letto del mondo