Musica
6:30 pm, 14 Luglio 21 calendario

L’Invito al Viaggio tra le note di Battiato

Di: Redazione Metronews
condividi

MUSICA L’appuntamento è per il 21 settembre all’Arena di Verona. Sul palco, un Invito al viaggio attraverso la musica di Franco Battiato. Oltre 40 tra artisti e band partiranno dal suo album più radiosamente pop, La voce del padrone, uscito quarant’anni fa proprio in quella data. Ad interpretare quel lavoro e molti altri, in rigoroso ordine alfabetico, ci saranno Alice, Arisa, Baustelle, Sonia Bergamasco, Bluvertigo, Angelo Branduardi, Umberto Broccoli, Vasco Brondi, Brunori Sas, Paolo Buonvino, Juri Camisasca, Giovanni Caccamo, Roberto Cacciapaglia, ColapesceDimartino, Carmen Consoli, Simone Cristicchi, Diodato, Emma, Eugenio Finardi, Max Gazzè, Fabrizio Gifuni, Mario Incudine, Luca Madonia, Fiorella Mannoia, Mahmood, Gianni Maroccolo con Andrea Chimenti, Antonio Aiazzi e Beppe Brotto, Morgan, Nabil Bey, Gianna Nannini, Manet Raghunath, Danilo Rossi, Saturnino, Subsonica, Paola Turci.
Invito al viaggio unirà a queste figure del mondo dello spettacolo un’orchestra formata dalla Filarmonica dell’Opera Italiana Bruno Bartoletti, Carlo Guaitoli alla direzione d’orchestra e pianoforte, Angelo Privitera alle tastiere e programmazione, Osvaldo Di Dio, Antonello D’Urso e Chicco Gussoni alle chitarre, Andrea Torresani al basso, Giordano Colombo alla batteria.
Sarà un abbraccio, non una celebrazione, sostenuto dalla potenza espressiva di un’arte,  vastissima e stupefacente.
Gran parte del repertorio sarà eseguito seguendo gli arrangiamenti originali, su timbriche e sfumature che vogliono rispecchiare tutto il percorso musicale di Battiato. Un’intenzione che si rifletterà nel dettaglio di ogni momento, come se fosse un concerto del Maestro. Non soltanto canzoni, quindi, ma anche suite e momenti puramente orchestrali, in una sorta di testimonianza in movimento. 
Non resta che lasciarsi andare sulle note di Patriots, Centro di gravità permanente, Voglio vederti danzare, La cura, Oceano di Silenzio, Prospettiva Nevski e su tutte le altre canzoni che sono entrate a far parte della storia della musica italiana per la loro continua commistione di suoni e di generi.
P.P.

14 Luglio 2021
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Il giornale
Più letto del mondo