Solisti del Teatro
12:46 pm, 13 Luglio 21 calendario

Sandrelli, Mandracchia e Nappi “Care Amiche” in scena

Di: Redazione Metronews
condividi

TEATRO “Care Amiche” di Anat Gov, con Manuela Mandracchia, Bianca Nappi, Amanda Sandrelli, Elisabetta Mirra, Anna Ferraioli Ravel, Federica Zacchia, regia Nora Venturini, che andrà in scena mercoledì 14 luglio all’interno della XXVII edizione de I Solisti del Teatro, alle 21:30 presso i Giardini della Filarmonica Romana (Via Flaminia 118, info https://www.isolistidelteatro.it).
“Care amiche”, scritta nel 1999, racconta, in un arco temporale alternato, che va dagli anni ’80 ad oggi, l’amicizia di tre donne, la loro complicità, ma anche le loro diversità e rivalità, che paradossalmente sembrano diventare per l’autrice il collante più profondo dell’amicizia femminile.
Sofia è divorziata e ha tre figli da tre padri diversi, Francesca è diventata una scrittrice di successo e frequentatrice di salotti televisivi, mentre Marta non si è sposata e non ha avuto figli. La storia della loro amicizia viene raccontata in due fasi della vita: nella piena adolescenza- quando si conoscono- e circa vent’anni dopo, quando Sofia e Francesca, che non si parlano più da anni, vengono convocate urgentemente a casa di Marta. Il mistero sulla vera ragione del loro incontro, il continuo alternarsi di presente e passato, in cui molti “altarini” vengono svelati, la musica anni ’80 che accompagna i loro ricordi – vera e propria colonna sonora della pièce- e l’inaspettato colpo di scena finale, rendono “Care amiche” una commedia unica, per intelligenza ed ironia, in grado di divertire dall’inizio alla fine e di raccontare il femminile in modo autentico ed originale.
In questa versione, le tre amiche adulte saranno interpretate da Manuela Mandracchia, Bianca Nappi, Amanda Sandrelli e i loro corrispettivi giovani da Elisabetta Mirra, Anna Ferraioli Ravel, Federica Zacchia. Un reading senza scenografia con il solo ausilio di microfoni, pochi effetti luce, musica e leggii ed una regia fatta di gesti, piccoli movimenti, effetti sonori e uso dello spazio per riuscire a comunicare agli spettatori la forza del testo ma anche per emozionarlo e per divertirlo.
 
 
METRO
 

13 Luglio 2021
© RIPRODUZIONE RISERVATA