epifani
5:22 pm, 7 Giugno 21 calendario

Morto Guglielmo Epifani dalla Cgil a segretario Pd

Di: Redazione Metronews
condividi

E’ morto a 71 anni Guglielmo Epifani, ex leader della Cgil ed ex segretario del Pd. Epifani, classe 1953, era entrato nella Cgil subito dopo la laurea, ottenuta all’Università La Sapienza di Roma con una tesi su Anna Kuliscioff. Iscritto prima al Partito socialista italiano e, dopo la fine del Psi, al Pds, è stato eletto nel 2013 alla Camera dei Deputati come capolista della lista Pd, partito di cui è diventato segretario tra maggio e dicembre di quell’anno, in quella che lui stesso ha definito «unq fase di transizione tra la segreteria di Bersani e quella di Renzi». E’ stato il primo socialista a guidare la Cgil dai tempi della sua ricostituzione nel 1944.
Ma Epifani ha trascorso una vita nella Cgil prima di approdare alla politica. Colto e raffinato, laureato in filosofia, ha mosso giovanissimo i primi passi nella più grande confederazione sindacale italiana per arrivare, dopo una lunga carriera, a guidarla dal 2002 al 2010, primo segretario generale socialista. Sindacalista gentile, come è stato definito, Epifani ha tenuto con fermezza il timone in anni difficili come quelli della crisi economico-finanziaria dopo il 2008, anni in cui con lucida analisi additava il rischio di un declino industriale del Paese, quando non mollava la presa nella difesa dei diritti dei lavoratori, e rilanciava il ruolo del sindacato a cominciare dal presidio del territorio. 
 Tra i temi su cui si era battuto quest’anno, la legge sulla rappresentatività sindacale e la sicurezza sul lavoro. «A oggi – aveva sottolineato – l’Articolo 39 della Costituzione resta inattuato generando una difformità in tema di contrattazione. Dunque pensiamo sia opportuno un intervento legislativo per colmare questo vulnus che preveda l’efficacia erga omnes dei contratti collettivi sottoscritti dalle organizzazioni sindacali maggiormente rappresentative».  In tema di sicurezza, Epifani chiedeva che rimanesse centrale anche dopo l’emergenza Covid: ci sono «’tre ordini di problemi sostanzialmente non risolti o risolti malè su cui si deve intervenire per uscire dalla retorica delle parole e del cordoglio che sempre segue episodi drammatici come quelli avvenuti nelle ultime ore a Prato e a Busto Arsizio: prevenzione, formazione e cambiare il meccanismo bonus/malus». 
«La vita di Guglielmo Epifani è stata un esempio di partecipazione democratica e impegno sociale, sempre al servizio dei lavoratori e dei più deboli. La sua gentilezza, integrità e passione civile resteranno a lungo nei ricordi di tutti. Alla moglie Maria Giuseppina vanno le più sentite condoglianze mie e del governo», ha detto il Presidente del Consiglio, Mario Draghi.

7 Giugno 2021
© RIPRODUZIONE RISERVATA