Gavin MacLeod
4:03 pm, 30 Maggio 21 calendario

Addio a MacLeod capitano della serie Love Boat

Di: Redazione Metronews
condividi

LUTTO L’attore statunitense Gavin MacLeod, il capitano della serie tv “Love Boat”, è morto sabato 29 maggio nella sua casa di Palm Desert, in California, all’età di 90 anni. La notizia della scomparsa è stata confermata dal nipote Mark See all’edizione online della rivista “Variety”. Interprete di una ventina di film e di decine di episodi di telefilm, la popolarità di MacLeod è legata al personaggio del comandante Merrill Stubing, che sempre sorridente e rassicurante si occupa dei passeggeri durante la loro vacanza da sogno: è stato uno dei protagonisti principali della serie televisiva statunitense “Love Boat” ambientata sulla nave da crociera “Pacific Princess”, partecipando a tutti i 249 episodi prodotti tra il 1977 e il 1987 e andati in onda in Italia dal 1980 su Canale 5. 
Nato come Allan George See a Mount Kisco, nello stato di New York, il 28 febbraio 1931, dopo il servizio militare, si trasferì a New York sognando di diventare attore teatrale, Nel 1956 debuttò a Broadway nel dramma ‘Un cappello pieno di pioggià con il suo nome d’arte: Gavin era il nome di un personaggio televisivo, mentre MacLeod era il cognome della sua insegnante di recitazione. 
Notato dal regista Blake Edwards, esordì nel 1958 al cinema con la commedia “Operazione sottoveste” nella quale MacLeod interpretò il brillante ruolo del marinaio Ernest Hunkle, definito dal tenente Nick Holden (Tony Curtis) “il torace più sexy della Marina”, per via del vistoso tatuaggio di una ballerina portato sul petto. Sempre da Edwards è stato diretto nei film “In due è un’altra cosa” (1960) e “Hollywood Party” (1968). 
Nel periodo 1959-1962 MacLeod prese parte a diversi episodi del telefilm “Gli intoccabili” e tra il 1962 e il 1964 ottenne il suo primo ruolo televisivo di rilievo, quello del marinaio Joseph “Happy” Haines nel telefilm “Un equipaggio tutto matto”. Negli anni ’60 è comparso anche nelle serie tv “La grande vallata”, “Perry Mason”, “Gli eroi di Hogan” e “Ironside”. Tra i suoi film anche “Caccia di guerra” (1962) di Denis Sanders, “Quelli della San Pablo” (1966) di Robert Wise e “I guerrieri” (1970) di Brian G. Hutton. 
MacLeod raggiunse la notorietà televisiva grazie al personaggio di Murray Slaughter, il simpatico giornalista della serie “Mary Tyler Moore Show”, che interpretò dal 1970 al 1977 e grazie alla quale ottenne due candidature ai Golden Globe (1975 e 1977). E’ diventato poi popolare a livello internazionale interpretando il comandante Merrill Stubing nella serie “Love Boat”: per questo ruolo ottenne tre candidature ai Golden Globe in diverse categorie nel 1979, 1981 e 1982. Con il cast del telefilm vinse inoltre un Tv Land Award. 
La popolarità di questo ruolo leggero costituì però un limite per le sue aspirazioni a parti drammatiche e portò l’attore a vivere una profonda crisi personale e professionale, dalla quale si risollevò grazie alla fede cristiano evangelica. Dagli inizi degli anni 2000 si è dedicato soprattutto all’attività di predicatore evangelico e alle campagne da testimonial in America delle navi da crociera. 
 
 
 
METRO

30 Maggio 2021
© RIPRODUZIONE RISERVATA