Coronavirus
2:50 pm, 26 Maggio 21 calendario

Con i probiotici superfici sanificate per 24 ore

Di: Redazione Metronews
condividi

La lotta al Covid passa dalla prevenzione e dalla ricerca. Superfici protette contro il Covid-19 per 24 ore, a fronte dei normali disinfettanti chimici che esauriscono la loro efficacia nell’arco di 60 minuti. Abbattimento degli agenti patogeni di circa 80% in più rispetto a un sistema  tradizionale, nessuna selezione di ceppi resistenti, anzi calo fino a 1.000 volte (99.99%). E ancora: dimezzato il rischio di infezioni correlate ad assistenza ospedaliera, – 60% di consumo di antibiotici, -75% di costi per le terapie legate alle infezioni. Sono gli straordinari risultati ottenuti con il sistema di sanificazione PCHS, ideato da Copma, validato da una ricerca scientifica italiana, illustrata  nel corso di una conferenza stampa tenuta dal Prof. Walter Ricciardi (Ordinario di igiene e medicina preventiva – Università Cattolica del Sacro cuore) e dalla Prof.ssa Elisabetta Caselli (Dipartimento di scienze chimiche e farmaceutiche e CIAS – Università di Ferrara).
Si tratta, al momento, dello studio più avanzato al mondo, che sarà pubblicato nelle prossime settimane da riviste scientifiche accreditate, basato sull’utilizzo della competizione biologica attraverso l’impiego di probiotici, in grado di ridurre il rischio di infezioni correlate all’assistenza e contrastare la diffusione del Covid-19.
La differenza con i normali disinfettanti chimici è netta, a cominciare dalla durata d’azione, senza contare le prospettive di utilizzo anche per tutti quegli ambienti (non solo ospedali quindi) che hanno bisogno di processi di sanificazione, come mezzi pubblici di trasporto, scuole, uffici. Nelle prove di laboratorio, inoltre, il sistema PCHS (ecolabel) ha dimostrato di essere performante rispetto alle normative standard, riuscendo ad abbattere la concentrazione di virus del 99.99%.
«Celebriamo oggi un evento storico. Si tratta di un’innovazione dirompente – ha sottolineato Ricciardi – che può cambiare radicalmente il modo in cui si combattono le infezioni, non solo in ospedale. Si combattono i germi con altri germi e, a differenza dei disinfettanti chimici, che hanno effetti collaterali di impatto ambientale, con il sistema PCHS ciò non avviene. E’ un momento straordinariamente importante e siamo anche contenti che sia opera di una ricerca italiana, frutto di una partnership pubblico-privata, con una tecnologia che rimarrà nel futuro».
«L’uomo è un superorganismo, costituito dalle proprie cellule e da tutti i microrganismi che lo colonizzano in equilibrio tra loro, ma anche gli ambienti costruiti possono essere considerati super-organismi», ha subito inquadrato, ricordando i numeri drammatici delle Infezioni Correlate all’Assistenza (ICA), problema globale (5-15% pazienti ospedalizzati), che colpiscono 4 milioni di pazienti in Europa ogni anno, causando circa 33 mila decessi come diretta conseguenza (Italia maglia nera con 10 mila decessi) e circa 1,1 miliardi di euro di costi sanitari. Finora la sanificazione convenzionale, attraverso i prodotti chimici, ha prodotto un’azione temporanea, senza prevenire la ricontaminazione, con un alto impatto ambientale e con la possibilità di favorire la comparsa di ceppi resistenti. «La sanificazione biologica, invece, si basa sull’equilibrio del microbioma: piuttosto che cercare di eliminare tutti i microbi, è più efficace rimpiazzare quelli cattivi con microbi buoni. Si parla di esclusione competitiva», ha spiegato la prof.ssa Caselli. 
 

26 Maggio 2021
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Il giornale
Più letto del mondo