Anticipo di Serie A
10:49 pm, 15 Maggio 21 calendario

La Roma vince il derby Lazio in Europa League

Di: Redazione Metronews
condividi

ROMA- Zeman lo ripeteva sempre: il derby è una partita come le altre. Non aveva ragione, non era vero. Il derby, specialmente a Roma, può valere una stagione. Non c’è in ballo solo la supremazia cittadina, per altro non effimera. Ci sono gli sfottò al bar ad esempio. Negli ultimi vent’anni c’è stato anche molto di più: persino la lotta scudetto. Ma oggi no. Oggi le parole di Zeman sarebbero state addirittura esagerate. Un derby inutile sia per la Lazio, specialmente dopo la vittoria della Juve che per i giallorossi in lotta esclusivamente per un posto nell’Europa dei derelitti. 
Alla fine, comunque, è la Roma a festeggiare. La vittoria per 2-0 vale però solo per l’onore dopo il sonoro 0-3 subito all’andata.
Primi minuti bruttini assai con un’ammonizione per parte (Bruno Peres e Acerbi) poi gol annullato alla Lazio. Muriqi scatta oltre la linea difensiva giallorossa e batte Fuzato, Pairetto non convalida per fuorigioco. I biancocelesti hanno subito un’altra occasione ma stavolta è Milinkovic-Savic a fallire solo soletto davanti al debuttante portiere giallorosso. Il primo tempo continua con l’ennesimo infortunio muscolare in casa Roma. Stavolta a fermarsi è Ibanez, sostituito da Kumbulla. Al 42°, a sorpresa, gli uomini di Fonseca passano in vantaggio. Giocata di Dzeko che si beve Acerbi in area, servizio per Mkhitaryan, facile piattone al volo e 1-0. 
Nella ripresa la Roma pressa alto, la Lazio ha solo un paio di occasioni con Immobile ma Fuzato risponde da par suo. Dzeko continua il suo derby nel derby con Acerbi scherzandolo come un pivello. L’ex giocatore del Sassuolo verrà anche espulso all’87°, tornando negli spogliatoi con il fantasma del bosniaco che non lo farà dormire per diverse notti. E al 78° arriva il raddoppio. A segnare è uno degli uomini più contestati della stagione. Azione personale di Pedro che si libera ai 25 metri e piazza il sinistro nell’angolo basso alla destra di Reina.
Ci fosse stato il pubblico sarebbe scattata la standing ovation. La Roma gioca sul velluto e manca poco che realizzi anche Villar. Ma sarebbe stato troppo anche per Eupalla. Fonseca vince il suo primo e ultimo derby e resta in lizza, Sassuolo permettendo, per un posticino in Conference League. La Lazio, sesta, giocherà in Europa League. Per entrambe le squadre una stagione disastrosa. E i festeggiamenti finali in campo sono parsi esagerati e fuori luogo.
Nel prepartita attimi di tensione nei pressi di Ponte Milvio. Circa 500 tifosi della Lazio hanno tentato di partire in corteo verso lo stadio Olimpico, teatro del derby con la Roma. Le forze dell’ordine, in tenuta antisommossa, li hanno respinti. Lanciate bottiglie e fumogeni. Una persona, che brandiva una cintura con il volto travisato, è stata arrestata in quanto sottoposta al provvedimento del Daspo e un’altra denunciata a piede libero. Al momento la posizione di 23 identificati è al vaglio degli inquirenti. Verranno analizzate le immagini della polizia scientifica per individuare altri partecipanti.  Dalle prime ore del pomeriggio, i tifosi della Lazio si erano dati appuntamento a Ponte Milvio: cori, bandiere, fumogeni per caricare la squadra.
METRO
 

15 Maggio 2021
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Il giornale
Più letto del mondo