JAMES BLUNT
6:14 am, 28 Ottobre 19 calendario

Blunt: «Torno alle origini con un disco più intimo»

Di: Redazione Metronews
condividi

MUSICA All’Italia James Blunt è molto legato. E non vede l’ora di tornare a suonarvi: «Perché il pubblico è caldissimo, uno dei migliori. Così gli spettacoli diventano speciali: lo sanno anche amici e famiglia, che prendono l’aereo e vengono ad ascoltarmi a Roma o Milano», spiega l’artista inglese, che si esibirà il 25 marzo 2020 a Milano (Forum) e il 28 a Roma (Palazzo dello Sport). Per l’occasione, oltre a classici come “You’re Beautiful”, presenterà l’ultimo cd, “Once Upon A Mind”: «È il mio disco più autobiografico, parlo dei miei affetti più profondi. Perché la famiglia è la cosa più importante, non m’interessano immagine e apparenza. È un lavoro molto personale, ma piacerà a tanti perché è onesto. In questo senso sono tornato un po’ alle origini».
Spicca la ballata “Monsters”, una dedica al padre molto malato: «Aspetta un trapianto e io non sono compatibile», confessa emozionato. Mentre il singolo “Cold” parla di  distanze: «Giri il mondo in tour e senti la nostalgia di chi hai lasciato a casa. E stai male». Altri pezzi, come la conclusiva “The Greatest”, si rivolgono ai figli: «Dico loro di essere meglio della nostra generazione, che non ha trovato le risposte giuste. Anche se, in realtà, la risposta è davanti a noi: l’amore. Nel senso di attenzione, gentilezza ed empatia». Noto per i tweet caustici verso gli haters, Blunt ora ha quasi smesso: «Ci vado solo una volta al mese, molto meglio vivere la realtà».
 
 
DIEGO PERUGINI
 

28 Ottobre 2019
© RIPRODUZIONE RISERVATA