Cinema/Quello che non so di lei
8:30 am, 26 Febbraio 18 calendario

Polanski: «Con i social la verità non esiste più»

Di: Redazione Metronews
condividi

ROMA Roman Polanski, il veterano con oltre 50 anni di cinema alle spalle. Ora racconta il contrasto tra personalità partendo dalla contrapposizione tra due donne in “Quello che non so di lei”, da giovedì al cinema, tratto da un libro che racconta la storia di un altro libro.
«È stata Emmanuelle, mia moglie, a suggerirmi il romanzo di Delphine de Vigan – spiega il regista –  e sono stato subito folgorato dalle situazioni inquietanti che si susseguono in un gioco di specchi tra realtà e finzione. Che è poi quello che succede in “Venere in pelliccia” in cui i piani di vero, falso e sogno sono intercambiabili».
E allora ecco una scrittrice di successo che sembra nascondere dolorose fragilità e una ammiratrice che si avvicina troppo, che la destabilizza tanto da arrivare ad essere la sua ossessione e la sua carnefice. Ma potrebbe anche essere  il contrario in questo thriller psicologico in cui nulla è come sembra.
A fronteggiarsi,  Emmanuelle Seigner e Eva Green. Come dice Polanski: «Non è facile definire i confini tra realtà e finzione di questi tempi in cui la realtà, anche grazie alla tecnologia, è sempre più fluida. Siamo ossessionati dall’idea di “storie vere” perché viviamo  in mezzo a un flusso ininterrotto di immagini cui ci appoggiamo in cerca di verità. Ma cercare la verità è un’assoluta illusione. Tutto oggi si può manipolare  grazie ai social da cui mi tengo lontano».
SILVIA DI PAOLA

26 Febbraio 2018
© RIPRODUZIONE RISERVATA