cybercrime
5:52 pm, 27 Giugno 17 calendario

Attacco hacker, nel mirino c’è anche Chernobyl

Di: Redazione Metronews
condividi

Un virus informatico è responsabile di un  massiccio cyberattacco sferrato oggi contro Russia e Ucraina. Il virus, Petya, disattiva i computer, rendendone inaccessibili i file e chiede un riscatto di 300 dollari in Bitcoin. E sta attaccando anche i computer della centrale nucleare di Chernobyl.
Reti locali. Il virus si sta diffondendo nelle reti locali, come il famoso virus WannaCry.     Gli specialisti hanno stabilito che Petya è stato utilizzato da poco dal gruppo Cobalt per coprire le tracce di attacchi mirati a istituzioni finanziarie. Secondo la Group-IB, tra le vittime dell’attacco informatico di oggi vi sono le reti della major petrolifera russa di Stato Rosneft, della sua controllata Bashneft, della Mars, Nivea, Tesa e altre aziende. Il virus ha attaccato i computer del governo ucraino, della metropolitana e dell’aeroporto di Kiev,  dei negozi Auchan, degli operatori di telecomunicazione e della ucraina Privatbank.
Chernobyl. Il virus informatico che sta colpendo  numerose aziende e istituzioni in Ucraina avrebbe infattato anche la  centrale nucleare di Chernobyl, secondo quanto riporta il sito ucraino Hromadske, al quale l’ufficio stampa della centrale ha confermato che  i server sono fuori uso.

27 Giugno 2017
© RIPRODUZIONE RISERVATA