Roma
9:30 pm, 17 Gennaio 17 calendario

Tribunale respinge ricorso sulla ineleggibilità della Raggi

Di: Redazione Metronews
condividi

ROMA Il Tribunale civile di Roma ha respinto il ricorso sul contratto firmato dalla sindaca di Roma, Virginia Raggi, che dispone una penale di 150 mila euro in caso di violazione del codice etico del M5S. I giudici hanno respinto il ricorso – presentato dall’avvocato Monello per conto della senatrice dem Cirinnà – sia nella parte in cui si chiedeva la nullità del contratto sia sulla conseguente questione riguardante l’ineleggibilità della sindaca. In particolare, secondo il tribunale, il contratto non rientra tra i casi di ineleggibilità previsti dalla legge, quanto alla sua nullità «il ricorrente non è titolare di un interesse ad agire». Il M5S ha sottolineato come il contratto sia stato sottoscritto tra la Raggi e il Movimento, non con la Casaleggio Associati.
«Tanto rumore per nulla. Dopo la batosta elettorale a Roma, il Pd ne subisce un’altra in tribunale: il giudice non ha accolto la richiesta con la quale i dem cercavano di ribaltare il risultato delle urne che ha visto il M5S vincere». Così il sindaco Virginia Raggi ha commentato sul blog di Beppe Grillo la decisione del tribunale civile. «A Virgì, sii brava… Ma che risultato da ribaltà, stamo ancora ad aspettà che cominci a governà», ha commentato su twitter Roberto Giachetti, sfidante sindaco del Pd alle ultime amministrative. In serata la sindaca è stata intervistata da Giovanni Floris a “Di martedì”. «Si può dire che una persona è capace o meno di guidare una macchina se èpronta a partire. Io mi sono trovata su una macchina senza blocchetto, volante, pedali e cambio», è stato uno degli interventi della prima cittadina.
METRO

17 Gennaio 2017
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Il giornale
Più letto del mondo