Roma
7:08 pm, 18 Maggio 16 calendario

Tronca: sulla legalità ora romani più accorti

Di: Redazione Metronews
condividi

ROMA «La bellissima eredità che potrò lasciare sarà quella di aver rotto la cupola di vetro della corruzione, che non sembrava scalfibile e invece con qualche martellata sta venendo giù, per un’amministrazione che pensa all’interesse pubblico e non più a quello privato». Così il commissario straordinario del Campidoglio, Francesco Paolo Tronca, nel saluto di commiato ai dirigenti capitolini impegnati in un corso di formazione anticorruzione. «È bellissimo poter essere orgogliosi di un’amministrazione che spezza le catene dell’opacità per instaurare un nuovo rapporto con il cittadino – ha proseguito Tronca, ricordando la fondamentale collaborazione con l’Anac di Cantone – basta parole, ci vogliono fatti di pulizia e trasparenza».
Consigli per chi verrà dopo
Il prefetto ha poi precisato che sta lavorando ad una relazione finale che conterrà «una serie di considerazioni su quello che abbiano trovato, su quanto abbiamo fatto e su cosa si dovrebbe fare, che lasceremo alla valutazione della futura amministrazione». Quanto al nuovo sindaco di Roma, il commissario si è detto «sicuro che i romani sceglieranno chi potrà far crescere questa città meravigliosa come merita». Tronca ha ricordato che «i romani avvertono forte il senso della corruzione, a livello epidermico: in un recente sondaggio era subito dopo la sporcizia, addirittura più forte della criminalità. Probabilmente la coscienza dei cittadini si sta aprendo verso una consapevolezza diversa, e certe cose sono diventate inaccettabili».
METRO

18 Maggio 2016
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Il giornale
Più letto del mondo