Elezioni
11:57 am, 16 Maggio 16 calendario

Elezioni, la carica dei centomila

Di: Redazione Metronews
condividi

ELEZIONI C’è uno spaccato d’Italia nei numeri e nelle storie dei protagonisti delle elezioni amministrative del 5 giugno. Con circa centomila aspiranti consiglieri per 1.300 comuni, quella in corso si profila una delle campagne elettorali più affollate di sempre. Dopo la scure del Tar (che ha bocciato le liste di Fratelli d’Italia e Fuxia People) a Milano restano 8 i candidati che affronteranno la corsa a Palazzo Marino sostenuti da 15 liste. Tornata da record per Torino, con 17 candidati e 36 liste. Diminuiscono, invece, rispetto al 2013, i candidati nella Capitale: sono 15 con 37 liste collegate (in attesa di sapere oggi se il Consiglio di Stato accoglierà l’appello di Fassina contro la decisione del Tar di escludere le sue liste), oltre 1.600 candidati per 48 poltrone. E sono migliaia i “debuttanti”. Scorrendo le liste, troviamo la precaria, l’ingegnere, il filosofo, il cantante lirico, l’ex sportivo e il figlio “d’arte”. Molti gli esponenti della società civile con un motto: “Basta!”. Soprattutto nella Capitale. «Lamentarsi non serve a nulla, è ora di agire» ci racconta Roberta Beta, protagonista della prima edizione del GF. Cinquantenne, «gayfriendly», si mette in gioco con la lista Roma Popolare per Marchini: Roma «deve rinascere dalla mobilità. Rendiamo il centro un luogo di passeggiate, potenziamo il servizio di metropolitana e tanto, tanto car sharing ecologico». Nella lista di Sinistra X Roma Fassina sindaco, ancora in forse, c’è Elisabetta Canitano, ginecologa e presidente della Associazione Vita di Donna, medico non obiettori: «#lagravidanza non è una malattia» scrive sulla sua pagina Fb. E Benedetta Buccellato, attrice autrice e regista. E poi i figli d’arte, come Maria Fida Moro, capolista  di “Più Roma” a sostegno di Giachetti. Il mio contributo per Roma? «Far rinascere, se ci riesco, un minimo di speranza nel cuore delle persone». Partirà dalla sua esperienza di ragazzina nata e cresciuta a Tor Bella Monaca, Alessia Filippi, olimpionica di nuoto, 29 anni.  Si candida per Giachetti. In cima ai suoi pensieri «sport e scuola, aiutare i ragazzi che non hanno possibilità di fare sport il pomeriggio». A Milano, troviamo Viola Scarselli, universitaria per la lista civica Parisi:  «Basta con gli alloggi con affitti altissimi, borse di studio inadeguate, costi dei trasporti…».  Scrittrice e organizzatrice a suo tempo dei girotondi è invece Daria Colombo, moglie di Roberto Vecchioni. Corre per Sala. E per Sala c’è anche Alberto Veronesi, direttore d’orchestra e figlio dell’oncologo. Il suo slogan è Cultura è benessere: «Vorrei coltivare è la diffusione della cultura in tutti i quartieri». Dalla musica viene pure Roberto Guenno, lirico al Regio di Torino. Si candida con il M5s. La sua musica? #nessunodeverestareindietro.
SERENA BOURNENS

16 Maggio 2016
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Il giornale
Più letto del mondo