Migranti
8:22 pm, 25 Aprile 16 calendario

Austria, la destra fa muro e si afferma alle presidenziali

Di: Redazione Metronews
condividi

AUSTRIA Mercoledì con una conferenza stampa sul confine del Brennero l’Austria tramite le autorità tirolesi presenterà i provvedimenti per la gestione della reintroduzione dei controlli di frontiera al valico italo-austriaco. Intanto l’Austria ha introdotto controlli «temporanei» al confine con l’Ungheria per arginare il flusso di migranti privi di documenti. Per il premier italiano Renzi se l’Austria chiudesse il Brennero l’Unione europea dovrebbe prendere provvedimenti.
Ballottaggio con i verdi
In questo clima l’estrema destra anti-immigrati ha stravinto il primo turno delle presidenziali austriache, che per la prima volta hanno visto esclusi dal ballottaggio i partiti tradizionali ora al governo, Popolari e Socialisti. Norbert Hofer del Partito della Libertà (Fpoe, la formazione fondata da Jorg Haider) ha ottenuto il 36,4% dei voti, seguito dal verde Alexander van der Bellen (20,4%). Andranno loro due al ballottaggio il 22 maggio. A determinare questo risultato di rottura sono stati sostanzialmente due temi: l’immigrazione e il rapporto tra il nord e il sud dell’Europa.
Le formazioni anti-europee
Gli stessi temi che da alcuni anni stanno spingendo a risultati rilevanti in tutta Europa (dalla Scandinavia alla Francia, dalla Germania all’Ungheria) formazioni con posizioni forti contro l’immigrazione e spesso anche contro l’Europa. In Austria per le elezioni politiche che si terranno nel 2018 i sondaggi attribuiscono all’estrema destra il 30% dei consensi. Non a caso l’affermazione di Hofer è stata accolta con entusiasmo da altri partiti di destra populista, mentre le forze istituzionali all’interno della Ue hanno segnalato un allarme per i diritti e le politiche future, ma anche per l’Unione stessa.
METRO

25 Aprile 2016
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Il giornale
Più letto del mondo