Migranti
9:10 pm, 18 Aprile 16 calendario

Dramma naufragi nel Mar Mediterraneo

Di: Redazione Metronews
condividi

ROMA Si continua a morire sulle rotte dei migranti: 400 persone, in gran parte somali, ma anche etiopi ed eritrei, sono quasi certamente annegate nel Mar Mediterraneo al largo delle coste egiziane mentre tentavano di raggiungere l’Italia su quattro vecchi barconi. La tragedia avviene a un anno esatto di distanza dalla strage del 18 aprile del 2015, quando 800 persone morirono nel Canale di Sicilia a causa del naufragio di una nave eritrea. E la tragedia non è un episodio isolato: sempre nel canale di Sicilia dinanzi alla costa libica, è stato intercettato un barcone alla deriva con sei cadaveri a bordo: due persone sono morte nelle fasi di salvataggio e sarebbero almeno 21 i dispersi. Il barcone è stato intercettato a circa 30 miglia a nord da Sabratha: era semiaffondato e col motore fuori uso. Tra i 108 sopravvissuti persone del Gambia, della Guinea Bissau, della costa d’Avorio, del Togo, Nigeria, Senegal, Mali, Sudan, Etiopia ed Eritrea.  
Problemi anche nel Mar Egeo. Una imbarcazione carica di migranti è naufragata al largo dell’isola greca di Samo, ha riferito la Guardia costiera greca, che è riuscita a salvare 55 persone. Il gommone era partito dalla costa turca. Tra le persone salvate ci sono 2 neonati e 18 minori.
Il numero degli sbarchi intanto aumenta, lungo la rotta del Mediterraneo centrale gli arrivi sono raddoppiati a marzo. Secondo Frontex, il mese scorso gli sbarchi sulle isole greche sono stati 26.450, meno della metà rispetto al mese precedente. Al contrario, la rotta del Mediterraneo centrale che porta i profughi sulle coste italiane ha registrato invece 9.600 arrivi, oltre il doppio rispetto a febbraio mentre nello stesso mese dell’anno scorso erano stati 2.283.
E sul dramma di ieri è intervenuto il Presidente Mattarella, secondo cui di fronte alle continue tragedie, «c’è veramente bisogno di pensare». E dopo la visita del Papa a Lesbo, la Santa Sede torna a chiedere all’Europa di ricevere i migranti.
METRO

18 Aprile 2016
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Il giornale
Più letto del mondo