Nomadi
7:18 pm, 2 Febbraio 16 calendario

Cinquanta anni di vita da Nomadi felici

Di: Redazione Metronews
condividi

MUSICA Sono uno dei gruppi storici della canzone italiana, ancora sulla scena dopo una carriera ultracinquantennale. I Nomadi, però, non mollano la presa e venerdì approderanno al Dal Verme (ore 21, da euro 25). Sarà l’occasione buona per assaporare uno dei loro concerti lunghi e intensi, ricchi di buone vibrazioni e classici sempreverdi.
Qualche anno fa Beppe Carletti e soci hanno chiuso il lungo sodalizio con la Warner e hanno deciso di fare da soli, diventando “indie” in tutto e per tutto. Da allora hanno inciso altri dischi, tra cui il più recente “Lascia il segno”, una raccolta di 10 brani che, sommati alle precedenti produzioni, porta a ben 300 il numero delle canzoni registrate.
A fine 2015 è uscito “Il sogno di due sedicenni è diventato realtà”, album che racchiude 12 pezzi interpretati dall’indimenticabile voce di Augusto Daolio, rivisitati per la parte musicale. Un omaggio di Carletti all’amico scomparso nel 1992 con il quale, nel lontano 1963, aveva fondato i Nomadi e dato inizio, per desiderio di due ragazzi di 16 anni, a questa avventura unica.
Nell’attesa ecco per mercoledì il jazz del grande Lee Konitz al Blue Note e del Lo Greco Bros Trio all’Alchimia, mentre per il rock al Magnolia ritroveremo gli emergenti romani Joe Victor col debutto di “Blue Call Pink Riot”. Il critico Mario Luzzatto Fegiz sarà da mercoledì a sabato al Teatro di Vetro con lo spettacolo “Io odio i talent show”. DIEGO PERUGINI

2 Febbraio 2016
© RIPRODUZIONE RISERVATA