OMICIDIO GARBATELLA
10:37 pm, 28 Gennaio 16 calendario

Massacrato dentro casa per un’avance di troppo

Di: Redazione Metronews
condividi

ROMA È stato ucciso per i suoi apprezzamenti nei confronti della moglie di un altro. Complimenti che per il presunto assassino erano diventati insopportabili, fino a spingerlo a un massacro feroce.
Gli investigatori che per primi sono entrati in via Caffaro 24 nell’appartamento di David Maurizio, la vittima 60 enne dell’omicidio, hanno parlato di una «scena raccapricciante». L’uomo era quasi irriconoscibile per i colpi che lo hanno martoriato, sferrati con un oggetto contundente. Il corpo è stato scoperto da un carabiniere di quartiere, avvicinato da un informatore in zona Piramide. Il militare ha varcato la soglia dell’enorme condominio alla Garbatella, è salito al sesto piano di una delle 10 scale e ha aperto la porta appena accostata. Subito dopo sul posto sono accorsi i colleghi del Nucleo investigativo e della Compagnia Eur.
Gli investigatori hanno ascoltato testimoni e vicini di casa. Dopo poco hanno fermato il presunto assassino. Portato in caserma, ha ammesso in serata di aver ucciso David Maurizio. I due erano amici da tempo, «compagni di bevute» come li hanno definiti altri conoscenti che con loro condividevano i pomeriggi al bar di fronte al palazzo della vittima. L’uomo che ha confessato, un 35 enne, mercoledì sera è salito un casa con la sua vittima. Doveva esserci un chiarimento sugli apprezzamenti dell’amico più anziano rivolti alla moglie del 35 enne. Alla fine è stato un massacro. I carabinieri sono rimasti al lavoro fino a tardi per capire se il presunto omicida abbia agito da solo o con dei complici.
PAOLO CHIRIATTI

28 Gennaio 2016
© RIPRODUZIONE RISERVATA