Milano/Musica
5:11 pm, 27 Gennaio 16 calendario

La classe di Cobham sul palco del Blue Note

Di: Redazione Metronews
condividi

MILANO  «Il feeling è senz’altro la cosa più importante, la tecnica viene sempre dopo». Così disse, tempo fa, Billy Cobham, tratteggiando con poche parole l’essenza stessa della sua musica. Un valore emozionale, insomma, che non deve mai mancare, anche se si è dotati di una perizia strumentale da fuoriclasse. 
Cobham, da giovedì a sabato sul palco del Blue Note, è quel che si dice un musicista da leggenda, un maestro della batteria che ha ispirato decine di seguaci. Lo stile di Billy, nato a Panama nel 1944, combina magicamente tecnica e vigore, energia e creatività, e ha attirato l’attenzione di mostri sacri del jazz come Miles Davis e John McLaughlin, con cui ha collaborato. 
Ma la storia di Cobham è lunga e variegata, e s’incrocia con generi diversi, fra jazz, rock, pop e world. 
Al Blue Note sarà accompagnato da una superband con Jean-Marie Ecay (chitarra), Steve Hamilton (tastiere), Michael Mondesir (basso), Camelia Ben Naceur (tastiere). Già sold out tutti gli spettacoli delle 21, restano biglietti per quelli delle 23/23.30 (euro 35/40).
Altri appuntamenti: al Fabrique, giovedì, ritroveremo gli scatenati Foals, inglesi di Oxford, che presenteranno il loro quarto cd, “What Went Down”, sull’onda di un travolgente indie-rock, particolarmente efficace nella dimensione live.
DIEGO PERUGINI

27 Gennaio 2016
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Il giornale
Più letto del mondo