Milano
8:10 pm, 26 Gennaio 16 calendario

Alexander e Martina I video sadici della coppia dell’acido

Di: Redazione Metronews
condividi

TRIBUNALE  Ieri al processo ad Alexander Boettcher è andato in scena l’inferno. L’udienza che prevedeva l’interrogatorio del broker 30enne accusato per gli agguati con l’acido a Giuliano Carparelli, Stefano Savi e Pietro Barbini, si è aperta con la proiezione di cinque video che hanno mostrato un universo delirante. In uno si vede il 30enne incidere col bisturi le sue iniziali nella carne viva di Martina Levato; in un altro costringe la ex a bere una bottiglia piena della sua urina; in un terzo è ritratto mentre decapita una gallina a mani nude.
Quindi è arrivato l’interrogatorio, durante il quale Boettcher ha professato più volte la propria innocenza, definendosi un ragazzo “benevolo, che cerca di andare d’accordo con tutti”. “Sono un po’ sborone – ha ammesso – ma il carcere mi ha dato una botta”. L’imputato ha poi tentato di far ricadere ogni responsabilità sulla Levato: “Mi rendo conto di aver sbagliato molto nella vita. Non ho capito la gravità delle cose fino a quando non ho visto la faccia di Pietro. Se avessi anche solo immaginato che Martina potesse fare qualcosa del genere l’avrei fermata”.
Boettcher  ha infine ripercorso la sua storia con Martina. “Il rapporto con mia moglie era cambiato, lei non se la sentiva di soddisfare le mie necessità”, ha detto, parlando di un accordo  che gli aveva concesso di vedere altre ragazze. Tra queste Martina che “era molto attaccata a me” e che l’avrebbe conquistato tatuandosi il suo nome sul seno e dicendo “che avrebbe voluto dei figli con me”.
METRO

26 Gennaio 2016
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Il giornale
Più letto del mondo