Violenza sessuale
7:32 pm, 14 Gennaio 16 calendario

La violenta per punire il fidanzato pusher

Di: Redazione Metronews
condividi

MILANO Stuprata per dare una lezione al fidanzato pusher, reo di aver venduto 30 euro di bicarbonato al posto di cocaina. È la terribile “punizione” subita da una 29enne milanese ad opera di Wilfredo Alexander Barrera Martinez, detto “El Pacaro”, salvadoregno 24enne, membro della pandilla MS13, finito mercoledì in manette.
A raccontare la vicenda che risale a settembre 2015, è stata la stessa ragazza: una volta resosi conto dell’inganno della coca, il 24enne avrebbe dato un appuntamento al pusher a Quarto Oggiaro. Una volta lì, il salvadoregno armato di pistola, avrebbe violentato la ragazza, mentre due complici armati di machete rapinavano il fidanzato.
Martinez  prima di stuprare la giovane l’aveva obbligata a mostrargli  la carta di identità dicendole che se lo avesse denunciato sarebbe andato a casa sua a vendicarsi, “adesso so dove abiti”, le avrebbe detto. Martinez, senza fissa dimora, fermato dai carabinieri a Pero, ha numerosi precedenti e sulla sua testa pendeva un decreto di espulsione emesso nell’agosto 2015. Inoltre, El Pacaro, avrebbe stretti rapporti con gli aggressori dei ferrovieri feriti a colpi di machete la scorsa estate a Villapizzone.
Per lui le accuse sono di rapina, sequestro di persona e violenza sessuale, mentre i due complici sono accusati solo di rapina. A incastrare El Pacaro, il numero di cellulare da lui stesso fornito all’ospedale Sacco dove si era recato pochi giorni dopo la violenza, perché ferito durante una rissa.  METRO

14 Gennaio 2016
© RIPRODUZIONE RISERVATA