Car sharing
7:12 pm, 12 Novembre 15 calendario

Hinterland e weekend Così evolve il car sharing

Di: Redazione Metronews
condividi

MILANO Quando partì, due anni e mezzo fa, il car sharing era una scommessa. Oggi è una vittoria indiscussa che ha fatto di Milano la città faro in Europa insieme con Berlino e Parigi del trasporto condiviso. Ma non ci si può cullare sugli allori e si deve andare oltre. Per questo oggi al BASE (spazio Ex Ansaldo, in via Bergognone 34) l’assessore Maran incontrerà gli operatori  per iniziare a tracciare le linee guida  del nuovo bando del servizio che partirà a luglio 2016.
Assessore, come sarà il car sharing 2.0?
La nostra ottica d’azione è su due fronti. Da una parte, estendere il servizio a tutti i comuni della Città metropolitana;  dall’altra,  legarlo sempre più al trasporto pubblico. Dobbiamo allargare la platea degli utenti: oggi sono soprattutto uomini, vogliamo coinvolgere più donne e avvicinare gli anziani poco avvezzi alle nuove tecnologie.
E rispetto al servizio?
Oggi lo sharing è conveniente sui brevi tragitti, la prossima sfida sarà renderlo competitivo anche sui lunghi percorsi e nei weekend. Anche perché a Milano già oggi molti cittadini hanno abbandonato la seconda auto, noi vorremmo favorire anche quelli che vi rinunciano del tutto.    
Ma per gli operatori il car sharing è redditizio?
Milano lo è stata, ma in generale lo sharing fa fatica ad andare in attivo. Per dare agli operatori più tempo per ammortizzare gli investimenti, nel prossimo bando pensiamo di allungare da tre a sei anni la concessione e di trasformare la fee che ora pagano per ogni auto in una tariffa forfettaria.
Nuovi operatori in arrivo?
Ci stiamo confrontando da tempo con DriveNow (cioè Bmw, ndr) che mira a sbarcare a Milano. Credo il bando di luglio prossimo possa essere la volta buona…
Cambieranno le condizioni?
Dovendo coprire anche l’hinterland, credo che aumenteremo il numero minimo della flotta: oggi è di 80 mezzi, probabilmente lo porteremo a 200.
ANDREA SPARACIARI

12 Novembre 2015
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Il giornale
Più letto del mondo