Roma
8:43 pm, 24 Maggio 15 calendario

Anche Ciampi contro l’effimera movida romana

Di: Redazione Metronews
condividi

ROMA «Mi piacerebbe che questo messaggio culturale alla comunità giungesse ai tanti ragazzi che vivono nel quartiere, perchè possano scoprire occasioni per ricreare la vista e lo spirito; passatempi diversi ma forse più duraturi di quelli offerti dai tanti luoghi dove oggi si intrattengono per l’happy hour». L’invito a riscoprire i luoghi storici dei quartieri e la denuncia del proliferare degli effimeri luoghi da bevuta delle movide romane viene dall’ex presidente della Repubblica, Carlo Azeglio Ciampi.
Passeggiate d’agosto
Il brano è tratto dall’introduzione al libro “Passeggiate romane d’agosto nei quartieri Parioli, Salario, Trieste, Pinciano, Nomentano e Flaminio” di Nicoletta Pietravalle, presentato nelle Giornate nazionali dell’Associazione dimore storiche italiane. L’ex presidente Ciampi abita in via Anapo, non lontano dall’omonima catacomba «che lusingava i miei trascorsi di filologo classico». Ma «nell’oltre mezzo secolo trascorso nel quartiere Trieste ho assistito ai cambiamenti che poco alla volta ne hanno alterato la fisionomia, spesso irrimediabilmente, deturpandola». E sempre nell’introduzione al libro, anche il presidente del Censis, Giuseppe De Rita, ci va giù duro: «I quartieri del Nord Est di Roma sono purtroppo di difficile vita comunitaria: quando vedo interi palazzi senza una luce accesa, quando mi rendo conto che bar e negozi sembrano dei locali di puro servizio e non di vita collettiva confesso che un po’ di “deserto d’anima” lo avverto».
LORENZO GRASSI

24 Maggio 2015
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Il giornale
Più letto del mondo