terrorismo
9:03 pm, 13 Maggio 15 calendario

Ucciso con attacco aereo il numero due dell’Isis

Di: Redazione Metronews
condividi

IRAQ La coalizione internazionale contro lo Stato islamico ha ucciso in un attacco aereo mirato Abu Ala al Afri, considerato l’erede dell’autoproclamato “califfo” Abu Bakr al Baghdadi, e l’alto magistrato islamista Mullah Meiser. Lo ha reso noto il ministero della Difesa iracheno, secondo cui il raid ha colpito la moschea dei martiri nell’area desertica di Akram Qrbah, al confine tra Iraq e Siria. La scorsa settimana la radio nazionale iraniana aveva annunciato la morte di al Baghdadi, sostenendo che i membri dello Stato islamico avevano già giurato fedeltà ad Abu Ala al Afri, ex insegnante di fisica, ma tale notizia non è mai stata confermata.
Era stato inserito tra i super ricercati
Tuttavia la possibile transizione da al Baghdadi ad al Afri ha spinto gli Stati Uniti ad inserire quest’ultimo nell’elenco delle persone ricercate con taglie milionarie sotto il nome di Abd al Rahman Mustada al Qaduli. Sull’ex insegnante di fisica pendeva una taglia di 7 milioni di dollari, di soli 3 milioni inferiore a quella di al Baghdadi (Abu Du’a) stabile a 10 milioni. Ma altre fonti smentiscono sia la morte di al Baghdadi che la nomina di Abu Ala al Afri come suo sostituto.
METRO

13 Maggio 2015
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Il giornale
Più letto del mondo