Autismo
11:34 am, 2 Aprile 15 calendario

Trovata l’origine di un caso di autismo su tre

Di: Redazione Metronews
condividi

ROMA In occasione della Giornata mondiale dell’autismo arrivano interessanti novità dalla ricerca su questa condizione. In un caso di autismo su tre, infatti, da ora è possibile individuare la causa del disturbo, che è genetica, aprendo così la strada alla messa a punto di terapie personalizzate. Un passo avanti importante, che si sta compiendo grazie al progetto di ricerca europeo del Consorzio Eu-Aims, nel quale l’Italia è tra i capofila con l’Unità di ricerca dell’Università Campus Bio-Medico di Roma diretta da Antonio Persico. «Utilizzando una tecnica innovativa, conosciuta come Array-CGH, abbiamo studiato 200 famiglie, individuando nel 30% dei casi la causa certa (13%) o altamente probabile (17%) del disturbo. Questo consentirà di mettere a punto cure personalizzate», annuncia Persico. «Grazie  all’Array-CGH – spiega Persico – possiamo individuare in laboratorio cancellazioni e duplicazioni del Dna, spesso alla base dei disturbi, con una precisione cinquecento volte superiore a quella della tradizionale mappa cromosomica». Seguirà ora l’attività di sequenziamento presso il Laboratorio del Centro Mafalda Luce per i disturbi pervasivi dello sviluppo di Milano. Il sequenziamento del Dna è un processo che  permette, a sua volta, di verificare la presenza di eventuali errori nelle informazioni che compongono il codice genetico del soggetto. Paragonando il Dna al libretto d’istruzioni sulla vita dell’organismo, con la nuova tecnica si verifica se ci siano  pagine mancanti o stampate due volte, mentre il sequenziamento permette di verificare se i testi contenuti nelle pagine presentano refusi. Con la Campagna 2015 “Non lasciamoli soli!” si punta all’acquisto di un sequenziatore di Dna di seconda generazione, l’unico in grado di definire la causa dell’autismo in quel 70% di pazienti nei quali le tecniche attualmente disponibili non sono in grado di identificare una causa certa di malattia.
La Campagna
Per la sensibilizzazione sui temi dell’autismo si colorano di blu molti monumenti, dai Palazzi Montecitorio (Camera dei Deputati), Madama (Senato) e Chigi (presidenza del consiglio dei ministri) alla Barcaccia di Piazza di Spagna a Roma, fino alla fontana del Nettuno a Bologna.
 Un aiuto concreto invece alla ricerca del Campus Bio Medico e degli altri centri collegati sarà possibile darlo dal 19 al 25 aprile con un sms al numero 45595 o con una chiamata da rete fissa allo stesso numero. Altrimenti è possibile sostenere la ricerca con una donazione con carta di credito, oppure bonifico bancario/postale nella sezione ‘Sostienicì di www.unicampus.it.
OSVALDO BALDACCI

2 Aprile 2015
© RIPRODUZIONE RISERVATA