Cenerentola
8:13 pm, 16 Marzo 15 calendario

Branagh re degli incassi svela i segreti del suo successo

Di: Redazione Metronews
condividi

CINEMA Con oltre 132 milioni di dollari incassati nel mondo nel primo week end – 5 milioni  solo in Italia –  la “Cenerentola” di Kenneth Branagh ha superato anche i record  di “Maleficent”. È l’ennesimo centro del regista, passato per lil teatro shakesperiano, il mito di Thor e ora approdato alla pura  favola. Vincente è risultata  la scelta di Branagh di esplorare la dimensione fantastica nella pellicola Disney, che vede protagonisti Lily James e Richard Madden, entrambi noti in Tv – lei per “Downton Abbey”, lui per “Il trono di spade” -, entrambi scelti con cura per i ruoli di Ella e il Principe.
Da Shakespeare alle favole, passo rischioso…
Ho avuto un approccio serio verso Cenerentola, questo perché Shakespeare, specialmente nelle opere tarde, ha scritto storie che erano quasi favole, come “La Tempesta”. Il Bardo non si prendeva troppo sul serio, ma prendeva sul serio le favole e quindi lo faccio anch’io.
É vero che l’ha ispirata “Il principe” di Machiavelli?
Pur non potendoci discostare dal principe della favola, mi serviva per far capire a Madden i doveri di un sovrano. Pur rimanendo in una dimensione fantastica, volevo fargli sentire come la pressione della realpolitik condiziona scelte e libertà personali.
Per lei Derek Jacobi è una figura paterna: lei lo è stato per Richard?
Nel film Derek Jacobi  è una sorta di nonno-padre di Richard. Lui stesso è stato una figura paterna per me, come io mi sento verso Richard e Lily.
Ruoli shakespeariani: Lily ha interpretato Desdemona a teatro, mentre Richard è stato Romeo.
Sì, è vero, tanto che ho deciso di portare in scena con loro “Romeo e Giulietta”. Mi sono trovato molto bene con entrambi e auspico una collaborazione duratura.
LORENZA NEGRI

16 Marzo 2015
© RIPRODUZIONE RISERVATA