terrorismo
9:57 pm, 12 Gennaio 15 calendario

Aumentano i bambini arruolati dai terroristi

Di: Redazione Metronews
condividi

IRAQ E NIGERIA È un «atto depravato» usare bambini come attentatori suicidi, ha dichiarato il segretario dell’Onu  Ban Ki-Moon. Eppure è un atto che sta divenendo sempre più comune. Dall’Iraq alla Nigeria al Pakistan, i terroristi jihadisti non si limitano più solo a rendere i più piccoli e indifesi bersagli della loro ferocia, ma li usano come armi umane che imbottite di odio e di esplosivo vengono inviate a seminare morte. L’orrore dei bambini-soldato è storia nota e diffusa, ma quello dei bambini-kamikaze è un ulteriore salto di qualità, o meglio dire un passo verso l’abisso.
Dall’Iraq alla Nigeria
Sui social legati allo Stato islamico è apparsa una celebrazione di un quattordicenne siriano che sarebbe il più giovane kamikaze dell’Isis. Fotografato armato sul camion bomba avrebbe condotto un attentato contro soldati iracheni a Samarra. 
Nei giorni scorsi si sono invece susseguiti una serie di attacchi in Nigeria, dove i jihadisti di Boko Haram sono arrivati ad utilizzare bambine di dieci anni per farle esplodere all’interno di mercati. È stato di almeno sette morti e 48 feriti il bilancio di un attentato a Potiskum fatto compiere da due bambine kamikaze di 10 e 15 anni, con detonatori azionati a distanza. Sabato un’altra bimba-kamikaze di 10 anni aveva causato la morte di 20 persone a Maiduguri. Lo stesso mercato venne colpito da altre due ragazzine kamikaze a novembre. 
C’è chi dice no
In quell’occasione una terza ragazza nigeriana non azionò la cintura esplosiva che celava sotto il velo, e si consegnò alla polizia raccontando di essere stata obbligata dai genitori ad immolarsi. La tredicenne raccontò di essere finita in mano a miliziani che tentarono di farle il lavaggio del cervello.
Un episodio simile si è svolto in Iraq a dicembre, quando un quattordicenne con indosso la cintura esplosiva si consegnò alla polizia a Baghdad dicendo che non voleva farsi esplodere. OSVALDO BALDACCI

12 Gennaio 2015
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Il giornale
Più letto del mondo