Violenza sulle donne
3:55 pm, 19 Dicembre 14 calendario

Massacrò la fidanzata condannato a 20 anni

Di: Redazione Metronews
condividi

ROMA È stato condannato a 20 anni di reclusione, per maltrattamenti e tentato omicidio con l’aggravante della continuazione, Maurizio Falcioni, il 35enne romano che il 4 febbraio scorso, nell’appartamento di Casal Bernocchi, massacrò di botte la convivente di 19 anni Chiara Insidioso Monda, riducendola in uno stato di coma vegetativo permanente. La sentenza, al termine del giudizio con rito abbreviato, è stata emessa dal gup Giacomo Ebner che ha pienamente recepito la richiesta di condanna del pm Elena Neri. La sentenza è stata accolta tra gli applausi di una trentina tra parenti e amici della famiglia di Chiara.
“Ripagata la fiducia nella giustizia”
Falcioni, che non era presente in aula, è stato condannato dal giudice all’interdizione legale per tutta la durata della pena e a quella in perpetuo dai pubblici uffici. L’imputato dovrà risarcire i danni, da liquidarsi in separato giudizio, alle parti civili. «Oggi è stata ripagata la fiducia che avevo nella giustizia. Adesso posso pensare solo a mia figlia». Lo ha detto in lacrime, lasciando il palazzo di giustizia, Maurizio Insidioso, il papà di Chiara, che è stato abbracciato da amici e familiari accorsi in gran numero per assistere alla sentenza ed è stato salutato con affetto anche dal pubblico ministero.
METRO
 

19 Dicembre 2014
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Il giornale
Più letto del mondo