Metropolitane
7:18 pm, 17 Dicembre 14 calendario

La M3 invasa dall’acqua in migliaia restano a piedi

Di: Redazione Metronews
condividi

MOBILITA’ Secondo blocco causa binari allagati in due mesi per le metrò milanesi. Dopo i due giorni di stop forzato di novembre scorso della M2, ieri a lasciare a piedi migliaia di cittadini da inizio servizio alle 13,18 è stata la M4. Medesima la causa:  gallerie allagate tra Centrale e Porta Romana. Lo tsunami questa volta è stato causato dall’innalzamento della falda   e dal malfunzionamento di una pompa. Per Atm: “La falda ha raggiunto livelli tali che le idrovore devono essere messe in funzione 24 ore su 24. Se anche una sola pompa cede, l’acqua rischia di entrare. Questa notte (ieri, ndr) una pompa non ha funzionato a dovere”. Per arginare i flutti, la Società è stata costretta “a mettere in funzione sull’intera linea 343 pompe, attive nelle stazioni di M1, M2 ed M3, di cui una cinquantina in funzione h24. Solo sulla gialla sono 118”.
Che la falda fosse un problema, era lampante mesi fa, ma sembrava che il pericolo riguardasse solo la M2. Ora, si scopre che nessuna linea è al sicuro.
“Nel 2011 dissi che le linee del metrò non erano sufficientemente impermeabilizzate. Servivano urgentissimi interventi di manutenzione. Ora, assieme alle nuove linee, questi interventi vanno fatti! Forse andavano fatti anni fa!”, ha detto il Presidente della Commissione Mobilità, Monguzzi.  “Non voglio neanche pensare a cosa succederà durante  Expo”, ha fatto eco De Corato, “chiederò che il presidente di Atm Rota venga in Commissione a relazionarci sulle cause e le contromisure”. 
ANDREA SPARACIARI

17 Dicembre 2014
© RIPRODUZIONE RISERVATA
Il giornale
Più letto del mondo